Uccidono una donna e bruciano il suo cadavere: arrestati due uomini

Due uomini sono stati arrestati e accusati del brutale omicidio di una donna e di averne distrutto il cadavere dandogli fuoco: i fatti risalgono allo scorso anno.

Australia uccidono donna due uomini arrestati
(Diego Fabian Parra Pabon – Pixabay)

Un crimine efferato e brutale quello registratosi a Sydney lo scorso anno. Una donna, Najma Carroll, di soli 33 anni venne assassinata ed il corpo, in parte bruciato. Il cadavere venne rinvenuto nei pressi di un boschetto da un uomo che portava a spasso il proprio cane e da quel momento la Polizia si lanciò a capo fitto nelle indagini. Ieri la svolta, gli inquirenti avrebbero individuato i due presunti responsabili dell’atroce crimine arrestandoli ed accusandoli di omicidio e distruzione di cadavere.

Per gli investigatori la morte della donna potrebbe essere legata a questioni di droga. Pare, infatti, che facesse parte di un ambiente dai loschi traffici.

Leggi anche —> Gioco tra amici finisce in tragedia: muore un giovane studente

Australia, donna brutalmente uccisa e corpo bruciato: arrestati due uomini

Pakistan famiglia indù massacrata
(Getty Images)

Leggi anche —> Lite culmina con efferato femminicidio: ragazza lanciata dal quarto piano

L’avrebbero selvaggiamente picchiata, uccidendola, e poi ne avrebbero bruciato il corpo nei pressi di un bosco poco lontano da Sydney. Queste le accuse mosse a due uomini di 57 e 43 anni in relazione alla morte di Najma Carroll, avvenuta nel luglio dello scorso anno. La polizia, dopo lunghe indagini, sarebbe risalita alla loro identità. Pare, riporta la redazione della ABC, che con la vittima avessero aperte alcune questioni di droga. Si ipotizza, addirittura, che potessero essere soci negli illeciti traffici.

Secondo gli inquirenti i due sospettati vivevano nello stesso complesso residenziale della donna. Nello specifico l’hotel-motel a Casula. Per la polizia l’omicidio potrebbe essersi registrato il 14 luglio, ossia due settimane prima che venisse trovato il corpo in località Menai.

La polizia ritiene che è stata usata una mazza da baseball per colpire ripetutamente la vittima, tanto da causarle gravi ferite alla testa – riferisce un ispettore secondo quanto riporta la ABC-. È possibile, inoltre che sia stata usata anche una grande roccia Infine il corpo sarebbe stato bruciato”. Dare fuoco al corpo, afferma la Polizia, si sarebbe trattato di un tentativo di nascondere ogni prova. Anche la macchina della donna sarebbe stata data alle fiamme.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia Australia
Polizia Australia (Getty Images)

La madre della vittima avrebbe dichiarato che la figlia era una persona amorevole, dolce e sensibile. Aveva lottato contro le dipendenze nel corso della sua adolescenza, ma mai sarebbe stata immischiata con crimini di droga.