Calcutta, è morta improvvisamente la mamma Donatella, aveva 58 anni

Donatella Galeotti, 58 anni, madre del cantautore Calcutta è morta dopo aver avvertito un violento mal di testa. Era insegnate a Latina ed appassionata di teatro. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da C A L C U T T A (@calcutta_foto_di)

Un dolore immenso. Il cantautore Calcutta (pseudonimo di Edoardo D’Erme) ha perso la madre qualche ora fa. La signora Donatella Galeotti di 58 anni prima di morire ha avvertito un fortissimo mal di testa.

Donatella era un insegnante al liceo delle scienze umane Alessandro Manzoni di Latina, era molto appassionata di teatro infatti si dilettava come attrice. Madre e figlio avevano trascorso le vacanze pasquali insieme, purtroppo le ultime.

LEGGI ANCHE —-> Silvio Berlusconi in ospedale: è il secondo ricovero in due settimane

Una morte inaspettata, la morte di Donatella getta tutti nella più totale disperazione

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da C A L C U T T A (@calcutta_foto_di)

LEGGI ANCHE —-> Uomini e Donne, lutto atroce: muore dama nel sonno

Questa mattina Donatella ha avvisato di avvertire questo malore, la sorella è corsa presso la sua abitazione allertando il 118, ma i minuti sono stati preziosi, all’arrivo dell’ospedale “Santa Maria Goretti” ogni speranza è andata perduta.

Donatella è deceduta appena è arrivata in ospedale. La sua morte è avvenuta così rapidamente che si è fatto fatica a realizzare una tragedia simile. La sua scomparsa ha lasciato tutti nella disperazione più totale.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da C A L C U T T A (@calcutta_foto_di)

Sul sito dell’Istituto Alessandro Manzoni, presso il quale insegnava, si legge: “La nostra bellissima Donatella non c’è più. Siamo attoniti e pervasi da un dolore immenso. La sua gioia, la sua generosità, il suo estro, il suo profondo amore per l’insegnamento, la sua attenzione e cura verso il prossimo sono doni che la comunità scolastica del Liceo “Manzoni” ha avuto il privilegio di ricevere e che porterà sempre con sé”.