Coronavirus, il bollettino del 7 aprile: 13.708 nuovi casi e 627 vittime

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi mercoledì 7 aprile, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Aggiornato lo stato dell’epidemia da Covid-19 in Italia. Stando ai dati diffusi dal Ministero della Salute oggi, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza sono saliti a 3.700.393 con un incremento di 13.708 unità rispetto a ieri. In calo i soggetti attualmente positivi che sono pari a 547.837 (-7.868), così come i ricoveri in terapia intensiva (-60) che ammontano a 3.683 in totale. Il dato dei guariti è giunto a 3.040.182 con un incremento di 20.927 unità. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 627 decessi che hanno portato il bilancio totale delle vittime a 112.374.

La Regione Abruzzo, si legge nelle note, ha comunicato l’eliminazione di 1 caso dal totale dei positivi in quanto duplicato. L’Emilia Romagna ha sottratto 19 casi dei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. Per lo stesso motivo, la Provincia Autonoma di Bolzano ha eliminato 2 casi.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di martedì 6 marzo

Coronavirus bollettino 7 aprile
(Getty Images)

Il Ministero della Salute ha pubblicato nella giornata di ieri il bollettino che aggiornava lo stato relativo all’epidemia da Covid-19 in Italia. Stando alla tabella sanitaria, i casi di contagio complessivi erano saliti a 3.686.707. In calo i soggetti attualmente positivi che erano pari a 555.705. Salivano, invece, i ricoveri in terapia intensiva che risultano essere 3.743 in totale. Il dato dei guariti dall’inizio dell’emergenza era giunto a 3.019.255. Si aggrava ancora ancora il bilancio delle per un totale di 111.747.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, comunicava che dal totale dei positivi erano stati eliminati 3 casi dei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. Per la stessa ragione, la Provincia Autonoma di Bolzano  eliminava 1 caso.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 6 aprile: 7.767 nuovi casi e 421 vittime

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 5 marzo

I casi riguardanti la pandemia da Covid in Italia sono stati resi noti attraverso tabella sanitaria dal Ministero della Salute. Lunedì, come riporta quest’ultima, il dato delle persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza era salito a 3.678.944. In aumento anche i soggetti attualmente positivi che erano pari a 570.096. In crescita anche i ricoveri in terapia intensiva che ieri contavano 3.737 pazienti. Il dato dei guariti era arrivato a 2.997.522. Purtroppo saliva ancora il bilancio dei decessi che raggiungeva il totale di 111.326.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 5 aprile: i dati della pandemia di oggi in Italia

Terapie intensive, quali sono le Regioni che hanno superato la soglia critica

Sono 14 le Regioni che hanno superato la soglia critica del 30% relativa all’occupazione dei posti in terapia intensiva. I numeri riportati dall’Agenas  (Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali). Secondo le odierne rilevazioni Il tasso di positività in Italia avrebbe raggiunto quasi il 7% per un totale – stando al bollettino del Ministero della Salute di ieri- di 3.743 soggetti ricoverati in terapia intensiva. Sull’intero territorio nazionale la soglia critica di occupazione è stata superata di 11 punti (41% rispetto al 30% fissato come limite).

In particolare le Regioni in cui si registrerebbe maggior pressione sono Lombardia, Trento, Piemonte, Marche e Valle d’Aosta. Non meglio in Friuli, Emilia, Toscana, Lazio e Puglia. Infine, un quadro preoccupante ma meno critico lo registrano Liguria e Abruzzo, chiude la Campania.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Terapie intensive, quali sono le Regioni che hanno superato la soglia critica

Covid, gli effetti sulla psiche: depressione e disturbi dell’umore in aumento

Effetti deleteri anche sulla psiche, questi i riverberi del Covid-19. A renderlo noto uno studio dell’Università di Oxford pubblicata sulla rivista scientifica specializzata The Lancet. Secondo lo studio pare che almeno un terzo dei soggetti risultati positivi avrebbe sofferto nei sei mesi successivi alla malattia di ansia e disturbi depressivi, con particolare riferimento all’umore.

A determinare tali sofferenze, è possibile che possano essere in concomitanza la solitudine dell’isolamento, l’assenza di contatti con il mondo esterno. Inoltre, sembrerebbe che tali patologie si manifesterebbero in maniera più significativa nei soggetti ospedalizzati dove sicuramente il decorso è stato più difficile.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, gli effetti sulla psiche: depressione e disturbi dell’umore in aumento

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

L’assenza di un ambiente familiare, la mancanza di volti conosciuti per un periodo prolungato, le sofferenze della malattia, di certo aggiungono un peso non di poco conto.