Covid, il mondo dello sport si ribella. Il 20% delle palestre riapre nonostante le multe

Continua l’emergenza da Coronavirus e per le palestre il destino è ancora incerto. Molte però sono in protesta, il 20% riaprirà nonostante i divieti e le multe. 

sport
Sport  (Irina L da Pixabay)

Il mondo dello sport dice basta, troppa incertezza, troppo silenzio, le palestre non ne possono più. Mentre continua l’emergenza mondiale da coronavirus i proprietari della pelaste non ne possono più di non essere considerati nei vari decreti e si ribellano al sistema.

Il presidente dell’Anpales Guglielmi precisa:” Ci si contagia di più sui mezzi pubblici che allenandosi’. A un anno dalla pandemia il 30% dei gestori sportivi non riaprirà le strutture”. 

Da una stima dell’ Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (Anpals) è emerso che il 30% delle palestre non riapriranno per gli ingenti danni economici subiti e che molti titolari di strutture sportive hanno deciso di riaprire nonostante i divieti sottoscritti nei vari decreti anti-covid 19.

Dalla manifestazione in piazza Montecitorio (di martedì scorso) qualcosa è cambiato, il 20% delle palestre riaprirà nonostante le multe.

LEGGI ANCHE —-> Calcutta, è morta improvvisamente la mamma Donatella, aveva 58 anni

Una guerra contro un nemico invisibile che dura da un anno

Stop Covid
Stop Covid (Foto di Fernando zhiminaicela da Pixabay)

LEGGI ANCHE —> Uomini e Donne, lutto atroce: muore dama nel sonno

Giampiero Guglielmi, presidente dell’Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (ANPALS) continua: Gli unici ristori cospicui sono arrivati ai lavoratori sportivi, agli istruttori, ai tecnici, agli allenatori, le strutture sportive hanno avuto perdite di 150-200 mila euro ma hanno ricevuto 6-7 mila euro di ristori, che non sono sufficienti neanche per una mensilità dell’affitto dei locali”.

Guglielmini si pronuncia anche sulla riapertura forzata da parte dei titolari :” So che è illegale, ma non posso non mettermi nei panni di titolari di strutture sportive che non hanno più di che sfamare la famiglia. La maggior parte di loro non ha nulla da perdere, accetteranno una sanzione amministrativa pur di riprendere a lavorare”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Palestra
Getty images

La pandemia da Coronavirus ha messo in ginocchio tantissime attività, tra le quali anche le palestre. Si spera in una repentina soluzione da parte del Governo dal momento che queste hanno chiuso ad ottobre 2020 per non riaprire mai più. Nessun palliativo, nessun sotterfugi, si chiede solo di poter lavorare.