Gratta e vinci, intascavano vincite milionarie senza denunciarle. Indagate due persone

Un funzionario ed un ex guardalinee sono stati denunciati a piede libero per truffa aggravata ai danni dello stato. L’ultima vincita al Gratta e vinci a sei zeri

Gratta e vinci denunciato funzionario Roma
Tabaccheria (GettyImages)

A tutti piacerebbe vincere facile, soprattutto al gioco. Deve averlo pensato anche Fabio Giacovazzi, funzionario romano e informatico della Lottomatica Holding spa, che con il Gratta e vinci ci stava letteralmente mettendo su un vero e proprio tesoretto grazie all’appoggio dei familiari che lo aiutavano a incassare le vincite dei biglietti giocati.

Secondo il codice deontologico lui non avrebbe dovuto neppure partecipare ma amici, parenti e anche un ex guardalinee di serie A gli hanno permesso di intascare le vincite senza denunciarle. Ora l’uomo è stato però fermato per un “vincita” a sei zeri.

LEGGI ANCHE -> Gratta e vinci da 500 mila euro, la reazione del vincitore è sconvolgente

Truffa Gratta e vinci, fermato anche Cristiano Copelli ex guardalinee serie A

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da gratta e vinci games (@gratta_e_vinci_games)

LEGGI ANCHE -> Google Maps Street View mostra una foto agghiacciante con due cadaveri. Cos’è accaduto?

Come riporta Il Messaggero, la prassi compiuta da Giacovazzi era questa: prima il funzionario recuperava i codici dei biglietti vincenti dai server e poi mandava qualcuno a fare l’acquisto. Tra i furbetti anche l’amico guardalinee Cristiano Copelli, nuovo compagno della ex del funzionario. L’uomo voleva sistemare tutta la famiglia, la Guardia di Finanza ha trovato infatti anche 7 milioni alla sua mamma che come gli altri componenti si era prestata alla truffa.

L’uomo ci aveva provato ad intascare illecitamente due biglietti da 5 milioni del Gratta e vinci Maxi Milionario e uno da 7 del Gratta e Vinci Supercash. Peccato che sia stato scoperto dal pm Alessia Miele e dalla Finanzieri che indagavano su di lui da ottobre scorso. Per Giacovazzi ora è scattata la denuncia aggravata per truffa ai danni dello Stato.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Anche il dirigente sportivo Luciano Moggi si è chiamato in causa per quanto accaduto tanto da commentare su Facebook la notizia: “(…) Mi riferirono da Mantova che questo signore (Copelli, ndr) avrebbe detto a più persone che fino a quando avesse arbitrato lui, la Juventus avrebbe avuto difficoltà a vincere. Cristiano Copelli è attualmente indagato per truffa. Questo vi potrà far capire la serietà di alcune persone che hanno iniziato a colpire la Juventus e hanno creato Calciopoli“.