Bambina di 2 anni muore in ospedale: l’agghiacciante scoperta dei medici

Coppia accusata di aver ucciso ed abusato di una bimba di soli 2 anni: quello che hanno scoperto i medici è aberrante.

Usa neonata morta abusi arrestata coppia
(Pexels- Pixabay)

Una bimba di soli due anni è morta nella giornata di domenica, 4 aprile, dopo essere stata trasportata in ospedale dal padre. I medici, nel tentativo di salvarle la vita, le avrebbero dovuto amputare una gamba ormai andata in cancrena. Stando a quanto emerge dalle carte processuali, gli operatori sanitari avrebbero riscontrato una separazione dell’intestino in ben due parti, probabilmente dovuto da un trauma. Non solo, pare avesse anche delle vertebre compresse all’altezza del collo, nonché delle contusioni anche risalenti nel tempo su schiena, volto ed arti, e delle costole incrinate.

Leggi anche —> Trattativa per l’acquisto di un frigorifero finisce in tragedia: la ricostruzione della vicenda

Usa, bambina di due anni muore dopo aver subito abusi: arrestata coppia

(Richard Revel – Pixabay)

Leggi anche —> Lite culmina con efferato femminicidio: ragazza lanciata dal quarto piano

Si chiamava Paisleigh Williams la bimba di soli due anni morta domenica pomeriggio in Wyoming (Usa), dopo essere stata trasportata d’urgenza in ospedale dal padre. Il genitore avrebbe riferito ai medici che la bambina avrebbe iniziato a sentirsi male il 26 marzo, vomitando di frequente. Lui e la sua compagna, avrebbero pensato ad un’influenza ed avrebbero deciso di portarla al Pronto Soccorso solo dopo aver notato che la piccola non mostrava segni di miglioramento.

I medici, tuttavia, già ad una prima anamnesi avrebbero scoperto tutt’altra verità. L’intestino di Paisleigh era separato in due punti. Secondo quanto riferito dalla redazione del Powell Tribune, i medici hanno concluso che la ferita proveniva da un qualche impatto sull’addome che si era verificato tra la notte di giovedì 25 marzo e mezzogiorno di sabato 27 marzo. Non solo, pare che due vertebre all’altezza del collo fossero compresse e che la piccola presentava differenti contusioni su schiena, viso ed arti. Peraltro una costola era incrinata.

Per tale ragione, il padre Moshe Williams e la compagna Carolyn Aune sono stati accusati di abuso aggravato sui minori in relazione alle ferite inflitte alla bambina. La loro cauzione è fissata ad un milione di dollari. La coppia rischia la pena di morte.

Moshe Williams ha portato la bambina presso il pronto soccorso del Cody Regional Health e sarebbe morta per arresto cardiaco durante il trasferimento in elisoccorso al Children’s Hospital Colorado. Secondo la polizia, la piccola avrebbe subito abusi per molto tempo e quello che l’ha portato alla morte non era un episodio isolato.

I due accusati respingono le accuse e negano un loro coinvolgimento nella morte della bambina. A loro dire quelle ferite sarebbero dovute ad una caduta dal letto. La piccola giocava con il fratellino di 14 mesi quando sarebbe finita al suolo. Ma per gli inquirenti, tale ricostruzione non sarebbe plausibile.

La coppia pare abbia altri 4 figli – avuti tutti con diversi partner- i quali sono stati sottoposti a custodia da parte dei servizi sociali in attesa che proseguano le indagini.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Sudafrica ragazzi morti sparatoria
(janifest – AdobeStock)

Alla coppia sono stati assegnati dei difensori d’ufficio e l’udienza preliminare è stata fissata provvisoriamente al 12 aprile.