Covid-19, il bollettino del 12 aprile: 9.789 nuovi casi e 358 decessi – VIDEO

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi lunedì 12 aprile, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Il Ministero della Salute ha pubblicato il consueto bollettino riguardante l’epidemia da Coronavirus, diffusasi in Italia. Stando ai dati odierni, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza sono saliti a 3.779.594, ossia 9.789 unità in più rispetto a ieri. Prosegue il calo dei soggetti attualmente positivi che sono pari a 524.417 (-8.588). Tornano in aumento, invece, i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva (+8) che ammontano a 3.593. I guariti sono 3.140.565 con un incremento di 18.010 unità. Si aggrava ancora il bilancio delle vittime con 358 decessi registrati nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 114.612.

La Regione Abruzzo, si legge nelle note, ha eliminato 1 caso dal totale dei positivi in quanto duplicato. L’Emilia Romagna ha eliminato 8 casi, di cui 3 casi positivi a test antigenico ma non confermati da tampone molecolare e 5 casi in quanto giudicati non casi COVID-19.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 11 aprile

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Aggiornato ieri lo stato dell’epidemia da Coronavirus, diffusasi in Italia. Stando al bollettino del Ministero della Salute, i casi di contagio complessivi salivano a 3.769.814. In calo i soggetti attualmente positivi che ammontavano a 533.005, così come i ricoveri in terapia intensiva pari a 3.585. I guariti dall’inizio dell’emergenza erano 3.122.555 con un incremento di 15.486 unità. Nelle ultime 2 si erano registrati 331 decessi che portavano il bilancio delle vittime a 114.254.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, eliminava 4 casi dei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da tampone molecolare. La Provincia Autonoma di Bolzano, per la stessa ragione, sottraeva 5 casi dei giorni precedenti. Il Veneto segnalava che alcuni casi confermati da test antigenico essendo stati successivamente confermati da test molecolare sono stati ricompresi tra quest’ultimi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino dell’11 aprile: 15.746 nuovi casi e 331 vittime

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di sabato 10 aprile

Nella giornata di sabato, come di consueto, sono stati resi noti i numeri dei casi riguardanti la pandemia da Covid in Italia. Come riportato all’interno della tabella sanitaria divulgata dal Ministero della Salute, il dato delle persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza era aumentato a 3.754.077. In discesa anche i soggetti attualmente positivi che erano pari a 533.085. Diminuivano anche i ricoveri in terapia intensiva che contavano 3.588 pazienti. Il dato dei guariti era arrivato a 3.107.069. Purtroppo saliva ancora il bilancio dei decessi che raggiungevano il totale di 113.923.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Bollettino del 10 aprile: i dati della pandemia di oggi in Italia

Pandemia: in attesa dei dati per valutare le aperture

Se l’andamento della curva continuerà a mostrare segni di miglioramento e l’indice Rt rimarrà stabile sotto l’1 è possibile che il Governo possa varare della misure che consentano delle riaperture. In primis una ricomparsa delle zone gialle, attualmente scomparse dalla cartina. Alcune Regioni, considerati i numeri, potrebbero tornare ad una seppur stravolta “normalità”.

Intanto la campagna vaccinale prosegue con le differenti autorità locali che fanno sapere di un arrivo a breve delle tanto attese dosi di vaccino della Jhonson&Jhonson che affiancherebbero le già somministrate Pfizer, Moderna ed AstraZeneca.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Pandemia: in attesa dei dati per valutare le aperture

Domenico Arcuri, ex commissario per l’emergenza Covid, indagato: le accuse

Domenico Arcuri, stando a quanto riportato dal quotidiano La Verità, sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati da parte della Procura di Roma. L’accusa di peculato mossa nei confronti dell’ex commissario straordinario per l’emergenza Covid sarebbe contenuta all’interno dell’inchiesta relativa alla maxi fornitura di mascherine cinesi da 1,25 miliardi di euro.

Una vicenda che finì sotto i riflettori della cronaca e della giustizia alla fine del mese di febbraio. In quel frangente vennero emesse 5 ordinanze di custodia cautelare da parte del Gip di Roma che accolse la richiesta della Procura. In particolare, Edisson Jorge San Andres Solis venne posto agli arresti domiciliari mentre a Mario Benotti -giornalista Rai in aspettativa- Daniela Rossana GuarnieriAndrea Vincenzo Tommasi e Khouzam Georges Fares furono applicate misure interdittive ossia divieto temporaneo dell’esercizio di attività d’impresa e divieto di ricoprire incarichi di comando all’interno delle imprese.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Domenico Arcuri, ex commissario per l’emergenza Covid, indagato: le accuse

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

In tale quadro, il commissario Domenico Arcuri risulterebbe, indagato per peculato. Il quotidiano La Verità, però, non riporta dettagli se non riferire che per la medesima fattispecie sarebbe altresì sotto inchiesta Antonio Fabbrocini, collaboratore dell’ex commissario e pare autore dell’acquisto dei dispositivi di protezione individuale.