I borghi più nascosti e belli d’Italia: Apricale in Liguria

In Liguria esiste un borgo poco conosciuto che si trova nella provincia d’Imperia, ha numerose bellezze nascoste da scoprire 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Apricale (@apricalove)

 Apricale è un nome alquanto insolito per un Borgo, deriva infatti dal latino Apricus e significa esposto al sole. Proprio come è questo magnifico borgo, molto soleggiato con un clima ideale sempre. Il borgo risale al Medioevo e il centro è riconoscibile dalla piazza che si apre in diverse strade e passaggi nascosti. C’è moltissimo da visitare e scoprire in questo borgo come chiese e il castello della Lucertola.

LEGGI ANCHE>>>Pandemia: in attesa dei dati per valutare le aperture

Cosa c’è da sapere sul borgo Ligure di Apricale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Apricale (@apricalove)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Valentina Muntoni scatto allo specchio in slip, che spettacolo-FOTO

Gli abitanti del luogo sono davvero pochissimi, infatti si parla di 629. Si trova in provincia di Imperia ed è stato fondato intorno al X secolo dai conti di Ventimiglia. Il Castello della Lucertola è stato tirato su per loro. Alcuni ritrovamenti fanno pensare che l’origine del borgo risalga all’età del bronzo, ma anche al periodo che precede i romani. Il borgo si sviluppa intorno al castello. A causa si debiti con Genova, i conti di Ventimiglia hanno perso però per un periodo l’occupazione del castello e del borgo, in favore di tale Gianella Avvocato. Tuttavia la fazione ghibellina riprese il controllo del territorio per renderlo agli originali proprietari, i conti di Ventimiglia.

I cittadini di Apricale sono ritenuti tra i più antichi di tutta la Liguria. Dopo essere stato acquistato da Oberto Doria e poi passato nel Ducato di Savoia. Il borgo si annette al contado di Nizza diventato parte del cantone di Perinaldo e poi di Monaco. Ritorna poi parte del Regno d’Italia nel 1861. Una particolarità del borgo sta nello stemma che lo rappresenta. Infatti seppur sia in territorio marittimo, il borgo è arrocato nell’entroterra. Pertanto è curioso che nello stemma ci sia un veliero in mare. Questo dettaglio può essere però spiegato, con il fatto che tra il borgo e l cantieri navali della costa c’è sempre stata una storia collaborazione. Infatti Apricale grazie ai suoi boschi forniva la legna per la costruzioni di navi, appartenenti alla flotta della Repubblica di Genova. Nonostante il borgo sia piccolo ha ben 9 costruzioni da visitare tra chiese, cappelle e oratori.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Apricale (@apricalove)

 Ovviamente poi c’è il Castello della Lucertola posseduto un tempo dalla famiglia genovese Doria poi preso sotto il controllo del Principato di Monaco e poi ai Savoia. Infine è stato conquistato dalla famiglia Cassisi che lo aveva trasformato in una residenza privata. Ad oggi è di proprietà del Comune e viene usato per annuali eventi culturali. Il comune di Apricale fa parte dei borghi più belli d’Italia.