Roma, manifesti con dedica dolorosa di un figlio alla madre deceduta – VIDEO

La dolorosa dedica di un figlio alla madre: “Scusa mamma se non riesco ancora a farti tumulare”. Manifesti per tutta Roma. 

C’è un dolore che anche il tempo non può cambiare. La perdita di una mamma per un figlio è uno di quelli. Un ragazzo di Roma ha riempito la città con una dedica per la sua mamma morta lo scorso 8 marzo. Una dedica tanto dolce, quanto dolorosa: perché Oberdan Zuccaroli, questo è il nome del figlio, non riesce a dare una degna sepoltura alla madre.

LEGGI ANCHE — Giovane operaio muore in una villa sotto gli occhi del collega: indagano i carabinieri

La dedica di Oberdan: “Scusa mamma se non riesco a farti tumulare”.

Manifesto-denuncia Roma
(Fonte Facebook)

LEGGI ANCHE — Aeronautica, il caso Giulia Schiff non si placa: presentata un’interrogazione parlamentare

“Scusa mamma se non riesco a farti tumulare”. E’ questa la dedicata fatta dal figlio Oberdan alla madre Ernesta Madri. La donna è deceduta all’8 marzo all’ospedale San Giovanni per un infarto. A più di 1 mese dalla morte della donna però il figlio non è riuscito a seppellire la madre. Ernesta è stata ricoverata per tre settimane, quando la situazione è precipitata. Il figlio – a causa delle restrizioni per il Covid – non è riuscito a stare vicino alla mamma, ma non solo non è riuscita neanche a vederla. Dopo il funerale della donna, la bara è stata portata al deposito del cimitero Flaminio. Oberdan con i manifesti, in diverse zone di Roma, ha voluto mostrare tutto il suo dolore. Ma non solo risultano essere dei manifesti-denuncia, visto che come racconta il ragazzo ad oggi non gli ha potuto portare neanche un fiore sulla tomba e non sa quando gli sarà possibile.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Colosseo, Roma
(Getty Images)

A Leggo il figlio Oberdan ha dichiarato: “È questo il rispetto che la città di Roma riconosce ai suoi cari? Mia madre, come tante persone decedute e in attesa da mesi di una tomba, ha vissuto e ha fatto parte di questa città. Ha cresciuto 5 figli, non posso permettere che la sua dignità non venga rispettata”.