Diciannovenne avvelena i genitori, poi si costituisce: morto il patrigno, la madre in fin di vita

La tragedia nel Bolognese: un 19enne ha avvelenato entrambe i genitori. Il padre è morto, la madre è in fin di vita. Fermato con l’accusa di omicidio aggravato

pensionato uccide famiglia movente
(Facebook, pagina ufficiale Carabinieri)

Una tragedia familiare che si è consumata nell’arco di pochi minuti. A Ceretolo di Casalecchio, in provincia di Bologna, un diciannovenne avrebbe avvelenato la madre e il suo compagno. Il bilancio è drammatico: il patrigno è deceduto, mentre la madre è stata portata in fin di vita in ospedale.

Ad avvertire i Carabinieri è stato proprio il responsabile del folle gesto, Alessandro Asoli. Il ragazzo avrebbe chiamato il numero d’emergenza intorno alle 22:00 di ieri sera per confessare l’avvelenamento e costituirsi.

LEGGI ANCHE -> Modella precipita dal sesto piano di un B&b e muore

Avvelena i genitori e si costituisce: morto il patrigno, la madre in fin di vita

Roma ragazzon uccide madre incendio casa
Carabinieri (Shjmira – Adobe Stock)

LEGGI ANCHE -> Dramma in casa: ritrovati senza vita un ragazzo ed un uomo

I soccorsi si sono precipitati all’appartamento che condivideva coi genitori, ma al loro arrivo sono riusciti a salvare solo una delle due vittime. Il patrigno del giovane è morto nonostante i tentativi di rianimazione. La madre era agonizzante ed è stata portata d’urgenza all’ospedale Maggiore di Bologna. Non si conosce ancora la sua prognosi, sebbene i paramedici abbiano parlato di “condizioni gravissime”.

Alessandro Asoli invece è stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato. È stato interrogato già ieri sera, ma pare che non abbia reso piena confessione. I militari lo hanno rintracciato a casa dei nonni a Borgo Panigale, ma il ragazzo era in stato confusionale. E per questo ci sono ancora troppe domande senza risposta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

Milano aggredisce capocantiere taglierino
Carabinieri (ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Sono in corso le indagini per stabilire il movente dietro a questo omicidio. Cominciano a trapelare però dettagli sulle modalità dell’avvelenamento. Il giovane avrebbe somministrato a entrambi veleno mescolato alle pietanze servite a cena, che lui stesso aveva cucinato. Nel primo sopralluogo in casa è stato rinvenuto un bicchiere in cucina, con una sostanza compatibile col veleno. Al momento la Scientifica sta ancora raccogliendo le prove nell’appartamento.