Il film italiano su Netflix che non potete assolutamente perdervi

Netflix. La piattaforma di streaming digitale offre una vasto catalogo di scelta per soddisfare i gusti di tutti gli spettatori. Ecco il film che non potete proprio perdere

serie tv più vista di sempre
Netflix (Foto di Tumisu da Pixabay)

I motori sono accesi e inizia la lunga corsa verso gli Oscar 2021. L’Italia sarà grande protagonista anche quest’anno. Siamo in attesa con trepidazione della notte del 25 Aprile, momento in cui scopriremo se la nostra Laura Pausini, dopo la vittoria del Golden Globe, porterà a casa l’ambita statuetta per la migliore canzone originale, Io sì (Seen), parte della colonna sonora del film La vita davanti a sé.

Non solo. Presente in concorso anche un’altra opera nostrana, Pinocchio, del talentuoso Matteo Garrone, che concorrerà per le categorie migliori costumi e miglior trucco.

Ancora una lunga settimana davanti a noi. Quale buona occasione per fare un rewatch dei lungometraggi italiani che hanno primeggiato a Hollywood e sono stati premiati dall’Academy? Netflix, la piattaforma di streaming digitale più famosa al mondo, ci dà la possibilità di godere di un capolavoro che ha incantato negli ultimi anni. Scopriamolo.

LEGGI ANCHE —-> Bridgerton. Il sex symbol Regè-Jean Page non tornerà come Duca di Hastings

Netflix: il film italiano da rivedere in vista degli Oscar 2021

LEGGI ANCHE —-> Gomorra: i costi esorbitanti della serie. Cifre da capogiro

Ha riempito d’orgoglio tutti gli italiani il regista e sceneggiatore Paolo Sorrentino quando, per La grande bellezza, nel 2014 vinse il Premio Oscar come miglior film straniero (oltre a un Golden Globe, un BAFTA, quattro European Film Awards, nove David di Donatello e cinque Nastri d’Argento.

La trama si basa sulle vicende legate al personaggio di Jep Gambardella, sessantacinquenne affascinante, circondato dall’imponenza di Roma, la sua gloria e magnificenza, “sporcata” dalla superficialità di chi la abita, creando un contrasto netto ed evidente. E’ divenuta iconica la frase pronunciata dal protagonista: “Volevo diventare il re dei mondani. E ci sono riuscito. Io non volevo solo partecipare alle feste. Volevo avere il potere di farle fallire”. Il degrado culturale, la povertà dei costumi, la critica della società, tutto attraverso il punto di vista dell’uomo, in uno stallo creativo costante.

Il suo ruolo non poteva che essere affidato a un maestro di bravura come Toni Servillo, attore che il New York Times ha inserito tra i più grandi 25 interpreti del ventunesimo secolo.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

La grande bellezza ha uniformato la critica che si è espressa in maniera unanime nel giudicarlo un capolavoro assoluto. Anche il pubblico ha reagito con lo stesso entusiasmo, prova ne è che il film sia attualmente il lungometraggio più visto degli ultimi dieci anni della televisione italiana con 8 861 000 spettatori quando venne trasmesso su Canale 5.