Ballando con le Stelle e il tweet contro Milly Carlucci: il clamoroso aggiornamento

Il tweet shock partito dal profilo ufficiale di “Ballando con le Stelle” (@Ballando_Rai), la trasmissione dedicata alla danza di Rai Uno condotta da Milly Carlucci, è finita in Procura. 

Le parole pubblicate sul profilo ufficiale Twitter di “Ballando con le Stelle” sono quasi impronunciabile e la conduttrice interviene per rassicurare il suo pubblico. Intanto però la polizia postale ha avviato le indagini per capire cosa sia realmente successo.

LEGGI ANCHE > La Vita in diretta, il ritorno di Harry in California: quando partirà

Il tweet dello scandalo partito dal profilo di “Ballando con le Stelle”: cosa c’era scritto?

Milly Carlucci
Milly Carlucci (Getty Images)

LEGGI ANCHE > Funerale Filippo, la sua amica è l’unica a non far parte della famiglia: chi è

“Sapete cosa mi manca del mio lavoro? Succhiare il ca**o del mio capo nei ce**i, era una cosa che amavo da morire”. Sono queste le parole impronunciabili apparse sul profilo ufficiale Twitter della trasmissione di Rai Uno “Ballando con le stelle”.

Quando si sono accorti delle parole che sono apparse in quel tweet di cui ancora oggi tutti parlano era già troppo tardi. Quella frase volgare che, secondo le malelingue, sarebbe rivolta alla conduttrice ha fatto il giro del web.

Forse un errore, probabilmente un operatore dei social poco attento ha retwittato quella frase dal contenuto volgare. Magari senza nemmeno accorgersene. Se è così, però, saranno guai.

Immediatamente Milly Carlucci ha preso le distanze da quanto apparso sul social network. “E’ stato effettuato il retweet di un messaggio volgare e di cattivo gusto. Ho subito avvisato i miei referenti in Azienda che avevano già provveduto a far cancellare il retweet e stanno procedendo agli accertamenti del caso“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Milly Carlucci (@milly_carlucci)

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

In una nota ufficiale, la Rai fa sapere che “sta procedendo con la denuncia presso la polizia postale“. I vertici Rai si scusano con gli utenti per quanto avvenuto e, stando a una prima ricostruzione, l’episodio sarebbe frutto di “un accesso non autorizzato“.