Borghi più belli e nascosti d’Italia: Arquà Petrarca il borgo del poeta

Tra i borghi meno conosciuti e più belli d’Italia incontriamo Arquà Petrarca, un borgo magnifico che ha in se la memoria del poeta 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arquà Petrarca (@arquapetrarca)

Arquà Petrarca è un borgo in provincia di Padova, si trova al centro dei Colli Euganei e ai piedi del Monte Piccolo e Monte Ventolone. Fa parte dei borghi più belli d’Italia, ma oltre alla sua bellezza è noto anche per essere il luogo che conserva l’eredità del poeta Francesco Petrarca. Il poeta ha vissuto infatti gli ultimi anni della sua vita proprio in questo borgo immerso nella natura e nell’antichità del Medioevo. Il poeta ci ha vissuto dal 1369 al 1374, anno in cui è morto.

LEGGI ANCHE>>>I borghi più nascosti e belli d’Italia: Triora il paese delle streghe

Arquà Petrarca, il borgo che conserva l’eredità del poeta

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arquà Petrarca (@arquapetrarca)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Borghi più belli e nascosti d’Italia: Il borgo di Canale di Tenno una favola

Il borgo ha un fascino unico, il classico che conserva dell’epoca medievale e immerso in una natura incontaminata. La casa dove ha vissuto il poeta negli ultimi anni della sua vita, è chiaramente l’attrazione principale del luogo. La casa ha ben milleduecento anni ed è stata ristrutturata proprio da Petrarca nel 1369. Gli fu donata dal Signore di Padova Francesco il Vecchio da Carrara. Dopo la morte del poeta è passata nelle mani del nobile Pietro Paolo Valdezocco che fece costruire una loggetta rinascimentale e una scala esterna. Fece inoltre dipingere sulle pareti alcune scene tratte dalla famosa opera di Petrarca, Il Canzoniere. All’interno della casa c’è ancora lo studiolo dove il poeta morì, con la sua sedia e la libreria originale di quel tempo.

Tutto è visitabile all’interno. Un’altro elemento appartenuto a Petrarca si trova all’interno della casa, si tratta della sua gatta mummificata. Certo oltre alla casa di Petrarca ci sono altre attrazioni da visitare, ma chiaramente ognuna di esse conserva la memoria del poeta. Come la chiesa dove andava a pregare, l’Oratorio SS Trinità oppure la Fontana del Petrarca dove attingeva l’acqua e la sua tomba, che è un arca in marmo rosso di Verona che ricorda i sarcofagi romani. Costruita sei anni dopo la sua morte dal genero e si trova in piazza Francesco Petrarca. Poi c’è il Laghetto della Costa da visitare che è nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook,Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Arquà Petrarca (@arquapetrarca)

 Anche il Giardino di Valsanzibo ha un fascino unico e infatti stato premiato tempo fa come “il giardino più bello d’Italia” e addirittura tra i più magnifici d’Europa. Sicuramente merita una visita approfondita. L’aria che si respira in questo borgo è antica, sembra di essere davvero tornati indietro nel tempo. I panorami sono suggestivi e alcuni angoli del borgo sembrano dipinti.