Gigi D’Alessio, retroscena su Sanremo: “Mi dissero che non lo potevo fare”

Gigi D’Alessio, retroscena su Sanremo: “Mi dissero che non lo potevo fare”. Il famoso cantante napoletano, ospite a Ruota Libera, ha parlato della sua esperienza al Festival

Gigi D'Alessio
Gigi D’Alessio (Getty Images)

Gigi D’Alessio è senza ombra di dubbio uno dei cantanti più amati del panorama musicale italiano. Ha conquistato tutti oramai decine e decine di anni fa, la sua carriera ha preso il volo e ha portato la sua musica davvero in tutto il mondo. Il volo lo ha sicuramente spiccato quando ha partecipato a Sanremo 2000, dove portò “Non Dirgli Mai” canzone che è stata molto criticata ma che ha sicuramente fatto la storia dei Festival. Oggi Gigi ha raccontato un retroscena divertente di quel Festival che forse non tutti conoscevano.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Chi è Awed, Simone Paciello, il concorrente de l’Isola dei Famosi

Gigi D’Alessio ospite a Ruota Libera parla della sua partecipazione a Sanremo 2000

Gigi D'Alessio canzone segreta paura
Gigi D’Alessio (Getty Images)

La canzone ha una frase in napoletano, “sì staser t’avess vasà“, per quella frase fecero un casino, dissero che non potevo portarla, tutti e anche i discografici mi dissero che avrei dovuto cambiarla” ha raccontato Gigi. “Io dissi va bene, la cambio, ma non avevo intenzione di farlo. Pensai “tanto Sanremo è in diretta, che mi possono fare?”. Allora andai lì e la cantai. Era la prima volta che andavo a Sanremo e dovevo portare qualcosa della mia città, della mia terra. Poi quel Sanremo è andato com’è andato, e quella canzone oggi è conosciuta ovunque“.

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE –> Amici 20, chi è Sangiovanni: vita, carriera e il suo vero nome

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Gigi D'Alessio
Gigi D’Alessio (Getty Images)

Tra l’altro ho saputo che avrei dovuto partecipare a dicembre, poco prima di Natale, e non avevo un disco pronto” ha continuato, ricordando quel periodo con molta nostalgia. “All’epoca era impossibile fare un disco in un mese, non lo so neanche io come feci, ma ci riuscii“.