Padova, tragico suicidio dal tetto del palazzo: muore giovane famoso

Si è lanciato dal tetto della sua abitazione, suicidandosi: il celebre giovane uomo che ha perso istantaneamente la vita a Padova.

tragico suicidio Padova Sabino Acquaviva
Ambulanza (Getty Images)

Sono stati inutili purtroppo i soccorsi allarmati repentinamente che hanno cercato di riportare in vita l’uomo, nella scorsa serata di venerdì 23 aprile nella città di Padova. Il nefasto accaduto si è consumato in via Altinate. Situata precisamente nel centro storico del comune veneziano. E’ con grande rammarico che è stata accolta la notizia del suicidio dell’uomo di 56 anni, noto per la carriera svolta con grande professionalità dal padre.

L’uomo, toltosi la vita lanciandosi dal sesto piano della propria abitazione, non ha avuto scampo, culminando il suo impatto sulla strada di fronte al palazzo in cui abitava e nei pressi dello studio della Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberta Casellati.

Leggi anche —>>> Beppe Grillo, Carlotta Vagnoli a testa alta contro la cultura dello stupro

Tragico suicidio, muore a Padova: lanciandosi dal tetto il figlio di Acquaviva

ambulanza
Ambulanza (Photo by Marco Di Lauro/Getty Images)

Potrebbe interessarti anche —>>> Ciro Grillo, il gestore del B&B della ragazza: “Dopo quella sera non era più la stessa”

Era il figlio del noto sociologo e professore scomparso nel 2015, Sabino Acquaviva. Il giovane vittima del suo stesso del gesto estremo. Le cause che hanno portato l’uomo a ricorrere ad una via di fuga di tale portata restano ancora poco chiare a coloro che si stanno occupando del caso. A quanto pare il cinquantenne, Francesco Samele Acquaviva, condivideva la sua abitazione con la madre ancora in vita e la sua badante.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia
Polizia (cineberg- Adobe Stock)

Nel frattempo, secondo le testimonianze che hanno avuto la sfortuna di assistere allo svolgersi della tragedia, pare sia stata confermana la natura immancabilmente volontaria del gesto intrapreso dall’uomo. I presenti in strada sono stati ascoltati dalle Forze dell’Ordine. Intervenute in seguito al misfatto.