Andrea Pirlo, il figlio Niccolò rivela: “Mi scrivono ‘devi morire insieme a tuo padre'”

Niccolò, figlio dell’allenatore della Juventus Andrea Pirlo, ha denunciato alcuni pesanti insulti che sta ricevendo via social da alcuni pseudo tifosi della squadra bianconera

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NICOLÓ PIRLO (@nickpirlo_10)

Niccolò Pirlo, figlio di Andrea, attuale allenatore della Juventus ha denunciato di aver ricevuto dei pesanti insulti a carico suo e di suo padre da alcuni supporter della squadra di Torino. Ultimamente la compagine bianconera ha smesso di macinare risultati stellari portando a casa sconfitte e pareggi, come quello rimediato ieri pomeriggio contro la Fiorentina per 1-1, con le reti messe a segno da Morata e Vlahovic per la Viola.

Poche ore fa Niccolò ha affidato ai social network, e di preciso a Instagram, il suo sfogo contro chi ogni giorno gli invia messaggi che offensivi è dir poco. Pirlo Junior ha scritto: “Ogni giorno mi arrivano messaggi di augurata morte e insulti vari. Vorrei chiedervi di mettervi nei miei panni per un solo secondo e chiedervi come vi sentireste“.

LEGGI ANCHE -> Fiorentina-Juventus 1-1, Morata risponde a Vlahovic: le pagelle ed il tabellino della gara

L’offesa più grande ricevuta da Niccolò, figlio di Andrea Pirlo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NICOLÓ PIRLO (@nickpirlo_10)

LEGGI ANCHE -> Inter-Verona 1-0, un gol di Darmian regala la vittoria ai neroazzurri

Un lungo post quello del figlio del mister bianconero con una seconda immagine in cui ha postato una delle tante offese ricevute, forse quella più orribile: “devi morire insieme a tuo padre”. Un ragazzo di soli 17 anni costretto a subire le offese gratuite di qualche stupido personaggio che sicuramente è tutt’altro che un tifoso della Vecchia Signora come di qualsiasi altra squadra nel mondo dello sport, quello vero.

Il ragazzo, che ha ricevuto anche tanti messaggi di solidarietà da tifosi bianconeri e non, ha scritto: “Credo che a tutto ci sia un limite e già da tempo questo limite è stato superato“. Inoltre ha scritto che lui è il primo a cui i suoi genitori hanno insegnato ad avere idee e a rispettare anche quelle degli altri ma, appunto, “a tutto c’è un limite”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine Facebook, Instagram e Twitter

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NICOLÓ PIRLO (@nickpirlo_10)

E le prestazioni poco brillanti della Juventus non devono essere una giustificazione a un comportamento tutto fuorché corretto di certi leoni da tastiera che probabilmente non hanno niente da fare che vomitare odio nei confronti di un ragazzo solo perché “tifosi” di una squadra di calcio.