Rapina alla gioielleria finisce in tragedia: ci sono due vittime. I dettagli

Finisce male la tentata rapina alla gioielleria. Tanta paura e due morti: il titolare aveva già subito un’altra rapina alcuni anni fa

 rapina alla gioielleria
Rapina – Pixabay

E’ finita in tragedia una rapina ad una gioielleria nel Cuneese. Il bilancio è di due vittime. A rimanere uccisi i malviventi che avevano tentato il colpo nel negozio di Grinzane Cavour, una gioielleria che aveva già subito un altro violento attacco nel 2015.

I fatti sono avvenuti ieri sera, intorno alle 18.30, quando in strada c’erano ancora tanti passanti che sono rimasti terrorizzati per l’accaduto. Tanta paura per loro ma fortunatamente tutti illesi. La gioielleria del signor Mario Roggero si trova in via Garibaldi, una via centralissima della cittadina cuneese.

Il titolare quando ha capito cosa stava per avvenire si è difeso. Almeno cinque i colpi che ha esploso per difendere sé stesso e la sua attività. Due i malviventi che sono morti sul colpo all’ingresso del negozio. Uno in mezzo alla strada e l’altro poco all’angolo, all’incrocio con un’altra strada. Un terzo, pare invece, che sia riuscito a scappare secondo i racconti di alcuni testimoni che lo avrebbero visto allontanarsi in auto.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 per soccorrere i due malviventi ma per loro non c’è stato niente da fare. Ora i carabinieri indagano per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

LEGGI ANCHE —>  Giovane padre scomparso dopo serata con un amico: tragico ritrovamento

Rapina alla gioielleria, già un precedente nel 2015

ambulanza
Ambulanza (Foto di Thomas Breher da Pixabay)

LEGGI ANCHE —> Precipita dal balcone di casa: donna muore dopo un volo di diversi metri

La cittadina del cuneese è sotto choc per quello che è successo. Un fatto che ha lasciato di stucco non solo i passanti ma anche lo stesso sindaco di Grinzane Cavour. “Stavamo preparando i lavori del Consiglio comunale, quando abbiamo sentito gli spari in strada” ha raccontato a Tgcom 24.

Il municipio si trova infatti a poca distanza dalla gioielleria dove sono accaduti i fatti. Il primo cittadino sentito gli spari è sceso in strada per controllare: “La situazione è ancora confusa – ha precisato – So solo che è stata presa di mira una famiglia onesta e per bene, ora sotto shock”.

Tanta paura dunque ieri sera in strada e nel mentre è caccia al terzo bandito che sarebbe scappato. In tutta la provincia sono stati istituiti dei posti di blocco ed è caccia all’uomo.

Non è la prima volta che il titolare della gioielleria Mario Roggero subisce un colpo del genere. Già nel maggio del 2015 era stato vittima di una rapina. I rapinatori legarono lui e le sue due figlie e li chiusero in bagno. Nel mentre svaligiarono il negozio e scapparono con tanti gioielli e orologi per un valore complessivo di 300mila euro.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Maddalena Urbani nuova pista
Carabinieri (pixabay)

Furono le due ragazze a dare l’allarme dopo essersi liberate. Per la rapina due gli arrestati che grazie alle telecamere di sorveglianza furono individuati e fermati.