Caso Fedez, Francesco Baccini si accende: ricorda la sua storia

Dopo il discorso del concerto del primo maggio di Fedez, in questi giorni si torna al parlare del tema della censura. Non manca il commento del cantautore Francesco Baccini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Francesco Baccini (@francesco_baccini_)

A pochi giorni dal caso Fedez Rai, il tema della censura ritorna attuale come non mai. Tra i tanti volti che negli anni hanno affrontato questa situazione spicca quello del cantautore genovese Francesco Baccini.

Era il 1992 l’anno in cui finì nell’ombra. A quell’epoca il cantante, aggiudicatosi la vittoria al Festivalbar con “Sotto questo sole”, aveva calcato la scena con un disco dall’estremo successo. “Nomi e cognomi”, il titolo dell’album. 600 mila le copie vendute. Una raccolta di brani tra ironia e satira su personaggi italiani famosi politici e non solo.

“E’ da quell’album che la mia carriera ha preso un’altra piega. Quella dell’invisibilità, dell’assenza”, il commento amaro di Baccini nell’ambito di un intervista a Leggo.

LEGGI ANCHE > Fedez e le sue battaglie: cosa cantava nel 2011

Baccini: un album segnò un punto di non ritorno per la sua carriera

LEGGI ANCHE > Fedez, grave accusa nei suoi confronti: la gente e’ sconvolta

“Nomi e cognomi”, è stato l’album che ha segnato un punto di non ritorno per Francesco Baccini. Un disco che stava andando molto bene ma poi qualcosa è andato storto. I testi della canzoni erano incentrati sulla satira di personaggi pubblici e politici. Da allora è stato allontanato dai riflettori.

“Era il gran finale della Prima Repubblica, sei mesi dopo sarebbe scoppiato Tangentopoli. Sono quasi diventato un nemico pubblico, da epurare”, racconta il cantante.

Dopo l’uscita le sue ospitate si dimezzarono. Baccini ricorda come richiamando le trasmissioni spesso si sentiva rispondere: “questa settimana non sono previsti i cantanti.”

Rai, nè Mediaset lo richiamarono. E non gli venne data nessuna spiegazione.
“L’unico ad essere sincero con me fu Olivero Beha. Lo incontro per caso e mi fa: Francesco, il tuo nome è nella lista di proscrizione di viale Mazzini e anche piuttosto in alto”, ricorda Baccini.

Da allora lunga fu la censura a cui fu sottoposto negli anni. Dalla televisione, alla radio. Unica partecipazione nel format di Music Farm dove a volerlo era stato Giorgio Gori. Di seguito poi ha avuto un’apparizione all’ultima edizione del Grande Fratello. Il cantante era stato infatti coinvolto in merito a un gossip tra lui e Maria Teresa Ruta.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Sulla vicenda di Fedez Baccini ha commentato come il cantante abbia fatto il discorso del primo maggio come personaggio della comunicazione affermando: “Non lo dovessero più invitare in tv, che gliene importa? Il suo pubblico è sul web.”