Omicidio Cerciello, c’è la condanna: la pena per i due assassini

Omicidio Cerciello Rega, la sentenza del tribunale di Roma: Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth sono colpevoli, per entrambi ergastolo.

Garlasco: la Cassazione rigetta revisione
(Photo by L’Osservatore Romano Vatican Pool via Getty Images) *** Local Caption

E’ durata quasi dieci ore la camera di consiglio in cui i giudici della prima Corte d’Assise hanno dovuto decidere sulla richiesta di ergastolo formulata dalla Procura di Roma per Finnegan Lee Elder e Gabriel Natale Hjorth.

Questi ultimi erano stati accusati per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, che la notte del 26 luglio del 2019 è stato ucciso con undici coltellate a causa di una colluttazione in una strada.

Il fatto era avvenuto a Roma centro, a pochi passi da via Cavour.

La moglie del vicebrigadiere Rosa Maria Esilio ha seguito come sempre il processo, in tutte le sue 50 udienze, un percorso a tappe forzate, anche durante i lockdown, in cui si è ripercorso quanto accaduto in quella drammatica notte.

LEGGI ANCHE —-> Omicidio Cerciello, l’Accusa chiede l’ergastolo per gli imputati

Ergastolo per i due americani

Omicidio Cerciello, ergastolo
Aula di tribunale (pixabay)

LEGGI ANCHE —-> Mario Cerciello Rega: oggi al processo parla la vedova del vicebrigadiere

Il fatto è avvenuto dopo che i due americani erano in cerca di droga in zona Trastevere e avevano rubato lo zaino del pusher Sergio Brugiatelli. Da quel momento la polizia ha iniziato la trattativa per la restituzione dello stesso fino a che Elder ha inferto 11 coltellate a Cerciello che era intervenuto insieme al collega Andrea Varriale.

I due americani successivamente si sono dati alla fuga dirigendosi verso l’albergo in zona Prati dove alloggiavano.

Omicidio Cerciello, ergastolo
Il Vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso nel 2019 (Facebook)

Il rappresentante dell’accusa ha dichiarato: «I carabinieri si sono qualificati, hanno mostrato il tesserino ed erano in servizio: si sono avvicinati frontalmente, non alle spalle. Cerciello non è stato ammazzato con una coltellata ma con undici fendenti in meno di trenta secondi. La vittima non avuto il tempo di elaborare nessuna difesa attiva e comunque avrebbe potuto poco anche se fosse stato armato e non lo era».