Ci sono importanti novità per la fertilità. Ottenuto embrione umano di 6 giorni

La scienza si evolve e grazie all’ ottimo lavoro dei ricercatori è stato ottenuto in provetta un embrione umano di 6 giorni. 

Covid Bollettino lunedì 3 maggio
Ricerca in laboratorio (pixabay)

I ricercatori dell’Università di Exeter in collaborazione con quelli di Cambridge hanno sviluppato una nuova tecnica che potrebbe essere particolarmente importante per fronteggiare i numerosi problemi della fertilità 

E’ stato ottenuto in provetta in embrione umano di sei giorni, la scienza esulta.

Austin Smith è il direttore dell’Istituto per i sistemi viventi dell’Università di Exeter e si dice entusiasta per i risultati raggiunti, questo piccolo traguardo sarà la chiave di volta per nuovi studi.

LEGGI ANCHE —-> Nolano, Ylenia Lombardo trovata carbonizzata nel suo appartamento. Indagini in corso

Step by step, le importanti tappe del traguardo raggiunto

ricerca
ricerca (Foto di PublicDomainPictures da Pixabay)

LEGGI ANCHE —> Omicidio Cerciello, c’è la condanna: la pena per i due assassini

Il primo passo che ha permesso di arrivare al risultato ottenuto è stato quello di organizzare le cellule staminali in aggregati. Successivamente sono state inserite due molecole che riescono a condizionare il comportamento delle cellule immature.

Gli studiosi dopo tre giorni hanno potuto osservare come le cellule si sono organizzate fino a creare una struttura molto simile ad una blastocisti. La struttura sferica composta di circa 200 cellule che si ottiene dopo 5-6 giorni dalla fecondazione. In ogni struttura sono stati individuati gli stessi geni presenti negli embrioni naturali.

Questa tecnica non era ancora stata sperimentata, il lavoro di ricerca è stato pubblicato sulla rivista Cell Stem Cell e servirà a capire meglio quelli che sono i problemi legati alla fertilità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

gravidanza
donna incinta (gettyimages)

Questa nuova tecnica serve ad approfondire i difetti degli sviluppi embrionali senza dover utilizzare quelli veri o quelli animali. Inoltre permetterà di incrementare la ricerca sulla fertilità poiché si potranno individuare le condizioni ottimali per ottenere quanti più successi possibili nella fecondazione assistita.