Protezione Civile, avvisa gli Italiani: “State in casa lontani da porte e finestre”

Sono 9 le regioni italiane che il 9 maggio dovranno rimanere chiuse in casa. E’ arrivata la comunicazione della Protezione Civile. Ecco i motivi.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da edizionestraordinaria.it (@edizionestraordinaria.it)

Secondo quanto riportato, la Protezione Civile ha diramato uno stato di allerta per 9 regioni italiane che nella notte del 9 maggio intorno alle 2:24 con una margine temporale di incertezza di 6 ore, sono invitate a rimanere chiuse in casa, lontano da porte e finestre.

Questo a causa della caduta di frammenti del razzo spaziale cinese ‘Lunga marcia 5B’ che secondo la sua traiettoria potrebbe interessare 9 regioni italiane, stiamo parlando di: Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

LEGGI ANCHE —-> Vaccini anti-covid, l’Europa sta con Biden. La guerra ai brevetti sta per iniziare

Il consiglio degli esperti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Scrivoquandovoglio (@sqvofficial)

LEGGI ANCHE —–> Covid-19, il bollettino del 07 maggio: i dati nazionali aggiornati

In base al comportamento del razzo e degli effetti che la densità atmosferica imprime agli oggetti in caduta, nonché a quelli legati all’attività solare, saranno rilevate le previsioni di rientro.

Sono state fornite dalla Protezione Civile alcune indicazioni utili alla popolazione sui comportamenti da adottare: “Sulla scorta delle informazioni attualmente rese disponibili dalla comunità scientifica è possibile fornire alcune indicazioni utili alla popolazione affinché adotti responsabilmente comportamenti di auto protezione: è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che pertanto sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti”.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @stratosmotorrad

E’ stato consigliato, comunque, dal Dipartimento “di stare lontani dalle finestre e porte vetrate; i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone”.