Schianto fatale per due centauri, erano padre e figlia. La dinamica

Cremona è sotto shock per la morte di due centauri, padre e figlia, di 55 e 26 anni. Danilo e Chiara Ghitti sono morti per colpa dello stesso destino beffardo. 

Incidente in moto muore 19enne
Eliambulanza (Foto di Ewa Urban da Pixabay)

Questa mattina, poco prima delle 11, un tragico incidente ha portato via due centauri, padre e figlia, Danilo e Chiara Ghitti di 55 e 26 anni non hanno avuto scampo. L’impatto è stato fatale e per i due non c’è stato niente da fare.

I due stavano percorrendo la strada provinciale 27 (entrambi sulla stessa moto) quando ad un incrocio si son scontrati con un’automobile. Nell’impatto padre e figlia sono stati sbalzati dalla moto e sono finiti in un fossato distante diversi metri dall’urto.

LEGGI ANCHE —> Varese, tragica morte di un operaio: cade nel vuoto a soli 50 anni

Non c’è stato scampo per Danilo e Chiara, morti per una fatalità

Danilo e Chiara Ghitti
Danilo e Chiara Ghitti

LEGGI ANCHE —> Incredibile ritrovamento dei resti di 9 uomini di Neanderthal. Franceschini: “È straordinario”

Dopo il violento schianto, nel quale sono morti padre e figlia, è stato il conducente ( sotto shock) dell’auto (illeso così come il passeggero) a lanciare l’allarme e a chiedere i soccorsi.

Sul posto gli operatori del 118 e i vigili del fuoco hanno cercato di fare tutto il possibile per salvare la vita ai due centauri ma non c’è stato niente da fare. Tant’è vero che l’equipaggio dell’elisoccorso dopo essere decollato da Brescia è stato fatto rientrare mentre si preparava all’atterraggio.

Le cause e la dinamica dell’impatto sono al vaglio degli inquirenti che dovranno capire cos’è che è andato storto, sta lavorando al caso la polizia stradale di Cremona.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter.

Polizia
Polizia (Claudio Caridi – Adobe Stock)

Stando alle prime ipotesi lo scontro si sarebbe avuto per una mancata precedenza o qualche manovra azzardata. Dopo questa tragedia, che non sembra essere l’unica, il primo cittadino di Pieve San Giacomo, Silvia Genzini, ha invitato nuovamente alla realizzazione tempestiva di una rotonda già finanziata dalla Regione.