Roberto Ragusa: un torbido giallo senza un corpo

Roberta Ragusa scompare dalla sua abitazione nella notte del 13 gennaio del 2012. Non sarà mai più ritrovata.  

Caso Ragusa: giallo senza corpo
Roberta Ragusa (screenshot da Chi l’ha Visto?)

E’ il 13 gennaio 2012 quando Roberta Ragusa, nel freddo invernale, svanisce nel cuore della notte. Una scomparsa improvvisa, inspiegabile. Un’assenza destinata a non essere colmata dalla notizia di un ritrovamento della donna: da viva o da morta.

E’ il 14 gennaio 2012 e Antonio Logli, marito di Roberta Ragusa, si reca in commissariato per denunciarne la scomparsa. Siamo a Gello, una frazione di San Giuliano Terme in provincia di Pisa, e l’uomo racconta di aver visto la moglie, per l’ultima volta, prima di andare a dormire; al risveglio, di lei, nessuna traccia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La Vita in Diretta. Alberto Matano dà la notizia incredibile che tutti aspettavano

Caso Ragusa: la condanna di Antonio Logli

Caso Ragusa: giallo senza corpo
Antonio Logli (screenshot da Chi l’ha Visto?)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Denise Pipitone, spunta una FOTO importante e mai vista prima. I dettagli

Cominciano a spuntare le prime teorie: quelle del marito, che parla di un probabile allontanamento in stato confusionale dovuto ad uno shock da caduta avvenuta qualche giorno prima. Quindi, si avanza quella di un allontanamento volontario. Ma ciò contrasta con le dichiarazioni rese dagli amici di Roberta che la descrivono come una persona responsabile e molto legata ai due figli.

I sospetti cominciano ad annidarsi intorno alla figura di Antonio Logli di cui si scoprirà una relazione extra coniugale con Sara Calzolaio, impiegata nell’autoscuola di famiglia e baby sitter dei Ragusa. Il rapporto si protrae ormai da anni e, secondo alcune testimonianze, Roberta ne sarebbe consapevole. Il suo è un matrimonio infelice come emerge dalle pagine di un diario segreto della donna.

La svolta giunge con le testimonianze di Loris Gozi, un giostraio, e sua moglie che, la notte del 13 gennaio, avrebbero visto il Logli trascinare, contro la sua volontà, una donna in auto. La descrizione resa, anche in relazione alla posizione dell’auto, viene accolta come fondata e Antonio Logli viene indagato per omicidio e occultamento di cadavere. Logli verrà condannato quindi a 20 anni di reclusione, in primo grado e in appello. Nel 2019 giunge anche la conferma dalla Cassazione.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Caso Ragusa: giallo senza corpo
Roberta Ragusa (screenshot da Chi l’ha Visto?)

Nel frattempo, l’uomo in carcere ha spostato l’amante, con il beneplacito dei figli che si sono schierati apertamente dalla parte del padre.