Si addormenta nel bidone: 13enne morto schiacciato nel camion

Nella spazzatura dormivano altri due ragazzi di 11 e 12 anni. Aperta un’inchiesta: i dettagli nei rapporti ufficiali.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Port Lincoln & Eyre Peninsula (@port_lincoln)

Una notizia agghiacciante quella della morte di un ragazzo di 13 anni, deceduto all’interno di un camion della spazzatura in Australia. Ad annunciarlo è la BBC: siamo nella località di Port Lincoln, all’estremità sud della penisola di Eyre; precisamente a 280 chilometri a ovest di Adelaide, nell’Australia Meridionale. La tragedia risale a questo martedì (11 maggio) alle ore 5:30 locali, quando il camion adibito alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti della città ha prelevato il bidone e l’ha svuotato nell’autocompattatore. Ignaro degli ospiti all’interno del cassonetto, l’autista si è accorto dell’incidente quando era già troppo tardi.

LEGGI ANCHE >>> Stalla in fiamme: sette cavalli morti nell’incendio

Le dinamiche dell’incidente e le parole del sindaco

Polizia Usa
Polizia durante gli scontri a Minneapolis (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Duplice omicidio: dipendente apre il fuoco e uccide il capo e un collega

La vittima della tragedia non era sola. Insieme a Spencer Benbolt Junior dormivano altri due adolescenti, rispettivamente di 11 e 12 anni. Il gruppetto frequentava spesso il centro ed era già noto alla polizia locale. Nelle dichiarazioni ufficiali si legge che il 13enne è morto sul colpo, schiacciato dal peso dei rifiuti. Gli altri due sono riusciti a salvarsi: l’11enne è riuscito a saltare fuori dal bidone non appena è stato sollevato dal camion mentre il secondo ha riportato solo ferite lievi. L’adolescente che è riuscito a fuggire, 12 anni, ha iniziato a bussare alla portiera del camion per allarmare il conducente.

I servizi di emergenza sono stati chiamati subito dopo le 5.20 del mattino al parcheggio Repco, accanto a un McDonald’s drive thru, su Liverpool Street. Le forze dell’ordine hanno precisato nelle dichiarazioni lo status dei i tre giovani: “non sono dei clochard, stavano dormendo fuori per altri motivi.” Motivazioni ancora sconosciute agli occhi degli agenti. In merito, il sovrintendente Bahr ha annunciato l’avvio alle indagini. Il sindaco di Port Lincoln, Brad Flaherty, citato dall’agenzia di stampa australiana Aap, è dispiaciuto per l’accaduto e ha espresso sincere condoglianze alla famiglia delle vittime: ”una notizia devastante per l’intera comunità.

Se vuoi essere sempre informato in tempo reale e sulle nostre notizie di gossip, televisione, musica, spettacolo, cronaca, casi, cronaca nera e tanto altro, seguici sulle nostre pagine FacebookInstagram e Twitter

Il comunicato della polizia riporta che l’addetto alla nettezza urbana non era a conoscenza dei fatti ed è ancora estremamente scosso per l’incidente.

Fonte BBC Australia