Incendio nel giardino di un’abitazione: morta una donna

Una donna di 81 anni è morta ieri a Torretta, in provincia di Palermo, dopo essere stata avvolta dalle fiamme mentre bruciava delle sterpaglie in giardino.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco Asiago (Stillkost – Adobe Stock)

Dramma a Torretta, in provincia di Palermo, dove una donna di 81 anni è morta dopo essere stata avvolta dalle fiamme mentre si trovava nel giardino di casa. La vittima sembra stesse bruciando delle sterpaglie di cui voleva disfarsi, quando improvvisamente si è ritrovata avvolta dall’incendio respirando il fumo.  Sul posto, allertati da alcuni passanti, sono arrivati i vigili del fuoco che hanno domato il rogo ed i sanitari del 118 che hanno constatato il decesso della donna. In corso le indagini dei carabinieri.

Palermo, brucia delle sterpaglie in giardino: donna muore avvolta dalle fiamme

Una donna di 81 anni, Anna Plauzio, è deceduta nel pomeriggio di ieri, martedì 25 maggio, in seguito ad un incendio divampato nel giardino della sua abitazione a Torretta, piccolo comune in provincia di Palermo.

Ambulanza
Ambulanza (Lionello Rovati – Adobe Stock)

Stando a quanto riporta la stampa locale e la redazione di Fanpage, la donna aveva fatto un cumulo di sterpaglie e per disfarsene aveva appiccato il fuoco. In pochi secondi le fiamme l’hanno circondata ed ha perso i sensi. Alcuni passanti, accorgendosi dell’accaduto hanno lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Donna trovata morta in casa con ferite alla testa: fermato il marito

Presso l’abitazione sono arrivati i vigili del fuoco ed il personale medico del 118. I pompieri hanno domato il rogo ed affidato l’anziana ai sanitari. Nonostante i tentativi di rianimazione per l’81enne non c’è stato nulla da fare. I soccorritori hanno constatato il decesso, che sarebbe sopraggiunto per asfissia per via delle esalazioni del fumo.

Leggi anche —> Cuoco muore in casa: il dramma sotto gli occhi della compagna

Intervenuti anche i carabinieri di Carini che hanno provveduto agli accertamenti del caso per chiarire con esattezza i contorni della vicenda.

Carabinieri
Carabinieri (mino21 – Adobe Stock)

Tra le ipotesi al vaglio dei militari dell’Arma, scrive la redazione di Fanpage, vi sarebbe anche quella secondo la quale la donna abbia utilizzato del liquido infiammabile per bruciare le sterpaglie. Circostanza che avrebbe provocato un ritorno di fiamma che non ha lasciato scampo alla vittima.