Denise Pipitone, “Ha fatto nomi e cognomi, arresti vicini”

Nuova svolta nel caso Denise Pipitone: oggi a Pomeriggio Cinque la criminologa Anna Vagli ha svelato un’ultima ora. 

Denise Pipitone verità mano vigliacca
Piera Maggio a Domenica In (foto da Instagram)

Il caso legato a Denise Pipitone continua a tenere banco: da alcune settimane gli inquirenti stanno cercando di chiudere il cerchio. Nei giorni scorsi ci sono state anche tantissime segnalazioni: prima Olesya in Russia, poi una ragazza rom di Scalea e infine una dell’Ecuador. Nessuna delle dirette interessate è però la piccola che sparì a Mazara del Vallo nel settembre del 2004.

Nella puntata di oggi di ‘Pomeriggio Cinque’, la criminologa Anna Vagli ha rilasciato alcune dichiarazioni in cui ha svelato alcuni dettagli interessanti. Gli aggiornamenti forniti durante l’intervista nel programma targato Mediaset sono davvero clamorosi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> Denise Pipitone e le lettere anonime: scoperto l’autore 

Pomeriggio Cinque, caso Denise Pipitone: le parole della criminologa

Denise Pipitone botola
Denise Pipitone intercettazioni (Foto Instagram)

TI PROTREBBE INTERESSARE ANCHE > Denise Pipitone, la clamorosa ricostruzione dei fatti: cosa è successo alla bambina

Dopo 17 lunghissimi anni, la svolta potrebbe essere vicina. Anna Vagli ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni ai microfoni di ‘Pomeriggio Cinque’. “L’anonimo è uscito allo scoperto. Sappiamo che è un uomo che si è recato nello studio dell’avvocato Frazitta e ha raccontato quello che sarebbe accaduto dopo il sequestro di Denise Pipitone”.

La criminologa ha svelato anche alcuni dettagli: l’uomo in questione si trovata all’incrocio tra via Salemi e via della Pace e avrebbe visto la piccolina insieme ad altre tre persone che conosceva. “Non sappiamo ancora le loro identità, ma ha fatto nomi e cognomi“. La Vagli ha anche aggiunto che l’uomo rimasto nell’anonimato potrebbe andare nell’immediato in Procura e potrebbero quindi scattare gli arresti.

Domenica Live, intervista a Felice Grieco (foto dal sito ufficiale di Domenica Live)

Il Partito Democratico ha presentato una commissione d’inchiesta sulla scomparsa della piccola Denise. “In uno stato di diritto, non è ammissibile che una bambina o un bambino spariscano senza un perché e senza che lo Stato riesca a dire chi e come li ha fatti sparire”, ha scritto nel lunghissimo post social Alessia Morani.