Coronavirus, il bollettino dell’1 giugno: 2.483 nuovi casi e 93 vittime

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi martedì 1 giugno, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha appena diramato il consueto bollettino contenente l’aggiornamento odierno sull’epidemia da Coronavirus diffusasi in Italia da oltre un anno. Stando alla tabella sanitaria odierna, il numero delle persone risultate positive al virus nel nostro Paese dall’inizio dell’emergenza è salito a 4.220.304 con un incremento di 2.483 unità rispetto a ieri. Decrescono ancora, come ormai da alcune settimane, i soggetti attualmente positivi che sono pari a 225.751 (-7.923), così come i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva degli ospedali: 989 in totale e 44 in meno rispetto a ieri. Il numero dei guariti sale a 3.868.332, ossia 10.313 unità in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 93 decessi che hanno portato il bilancio totale delle vittime in Italia a 126.221.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 31 maggio

Il Ministero della Salute ha pubblicato ieri sul proprio sito il consueto bollettino giornaliero relativo all’epidemia da Coronavirus diffusasi in Italia. Stando ai dati, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 4.217.821.

Coronavirus
(Getty Images)

Ancora in calo il numero dei soggetti attualmente positivi pari a 233.674 così come quello relativo ai ricoveri in terapia intensiva che ammontavano a 1.033. Le persone guarite salivano a 3.858.019. Purtroppo continuava ad aggravarsi il bilancio delle vittime: il totale dall’inizio dell’emergenza saliva a 126.128.

La Regione Emilia Romagna, si leggeva nelle note, segnalava che dai casi totali comunicati in precedenza erano stati eliminati due casi, uno  positivo a test antigenico ma non confermato da tampone molecolare e uno giudicato non Covid-19.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 31 maggio: 1.820 nuovi casi e 82 vittime

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 30 maggio

Nuovo aggiornamento domenica sullo stato dell’epidemia da Coronavirus diffusasi in Italia. Stando al bollettino del Ministero della Salute, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 4.216.003. Risultavano essere ancora in calo i soggetti attualmente positivi pari a 238.296 ed i pazienti ricoverati in terapia intensiva che ammontavano a 1.061. I guariti complessivi salivano a 3.851.661. Il bilancio totale delle vittime saliva a 126.046.

La Regione Abruzzo, si leggeva nelle note, segnalava che dai casi comunicati era stato eliminato un caso, in quanto duplicato.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 30 maggio: 2.949 nuovi casi di contagio e 44 decessi

Pandemia: le prossime aperture previste dal primo giugno

Oggi, martedì 1 giugno, si apre un nuovo spiraglio di libertà per il Paese. Grazie all’andamento della curva epidemiologica il Governo ha anticipato il calendario delle riaperture.  In data odierna importanti novità per il settore della ristorazione. Aperti ai commensali anche gli spazi al chiuso e secondo le linee guida ufficiali abolito il numero massimo di 4 persone al tavolo.

Da rispettarsi ovviamente le norme di prevenzione come distanziamento dei tavoli di almeno 1 metro e obbligo di indossare la mascherina quando si sta in piedi all’interno del locale.

La presenza contemporanea di persone all’interno del locale dovrà essere regolata in base a quella che è la volumetria del locale e della possibilità dei ricambi d’aria. In ogni caso non potrà superare il numero massimo di persone a sedere.

Quanto ai festeggiamenti conseguenti a cerimonie, i partecipanti all’evento dovranno essere muniti anche nelle zone bianche di Green Pass. Quest’ultimo è un documento ottenibile o avendo completato il ciclo vaccinale, o essersi negativizzatisi dal Covid ovvero aver eseguito un tampone nelle 48 ore precedenti risultato negativo.

Quanto al coprifuoco, resta fissato alle 23. Sarà solo dal 7 giugno che l’orario slitterà alle 24 per poi essere definitivamente abolito il 24 giugno. In zona bianca, invece, la misura non sussiste.

Novità anche per le competizioni sportive – anche quelle non di rilievo nazionale-. A partire da oggi potrà tornarsi ad assistere alle gare, senza però superare la soglia del 25% rispetto alla capienza massima della struttura. Obbligatorio l’utilizzo delle mascherine e del distanziamento, nonché la predisposizione di canali di ingresso ed uscita differenziati.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Pandemia: le prossime aperture previste dal primo giugno


In sostanza, quindi, il Paese torna ad avviarsi alla normalità. Il settore terziario potrebbe, quindi, iniziare a recuperare quanto sino ad ora perduto a causa delle chiusure. Soprattutto adesso in vista dell’estate. La stagione turistica in Italia rappresenta un’importante fetta dell’economia.