Al Bano straziato per il cantante-amico scomparso: “Lo ricordo cosi”

Nell’ultima puntata di “Domenica In”, Mara Venier ha ospitato Cristiana Ciacci la figlia di Little Tony che ha raccontato alcuni retroscena

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiana Ciacci (@cristianaciacciofficial)

Giovedì scorso, il 27 maggio 2021, è stato l’anniversario della morte di Little Tony e sua figlia Cristiana Ciacci lo ha voluto ricordare in vari eventi. Prima durante la celebrazione del Premio Anna Magnani, dove ha partecipato come ospite d’onore, e nel weekend a “Domenica in”. 

La donna ha appena pubblicato un libro dal titolo Mio padre Little Tony dove ricorda alcuni avvenimenti importanti della sua vita, episodi insieme a suo padre, alti e bassi.

GUARDA QUI>>>“Notte azzurra”, l’indignazione di Paolo Bonolis: “Come ti permetti?”

Cristiana Ciacci: il ricordo unico di Little Tony

cristiana ciacci little tony
La cantante Cristiana Ciacci (Screenshot youtube)

GUARDA QUI>>>Rino Gaetano, il ricordo a 40 anni dalla scomparsa: l’incidente, poi la leggenda. Il racconto

Mara Venier ha voluto ospitare nel suo studio Cristiana Ciacci e Al bano Carrisi. La figlia di Little Tony, in occasione dell’anniversario della morte di suo padre ha voluto raccontare qualche aneddoto e retroscena della sua vita.

L’artista è morto nel 2013 a causa di un brutto tumore alle ossa. La figlia ricorda quanto sia stato difficile non poter trascorrere molto tempo insieme a suo padre poiché lontano per lavoro. I due hanno avuto un rapporto complicato che sono riusciti a sostenere mettendo da parte le divergenze.

”Mi manca il sentirmi figlia. Ho cinque figli meravigliosi, ma mi manca poter ricevere una telefonata in cui una mamma o un papà ti chiede come stai? – afferma l’ospite – che ti è successo, racconta. sono orgoglioso di te”.

Il ricordo di Al bano

Anche Al bano, in diretta insieme alle due donne, ha voluto ricordare il noto cantante. Riallacciandosi a quello che ha raccontato la figlia di Little Tony si è ritrovato in quelle parole ed ha spiegato che gli artisti non hanno mai abbastanza tempo per i propri figli. Il lavoro li spinge lontani e ha affermato: “Però magari non è tanto la quantità ma l’importante è la qualità del tempo che spendi con i figli. – spiega – Anche quella incide in una sana e forte educazione”.

Una puntata all’insegna dei ricordi e della musica che ha aperto le danze alla Sessantatreesima edizione dello “Zecchino d’Oro”.