Denise Pipitone, la clamorosa dichiarazione della guardia giurata – VIDEO

In questi giorni tiene ancora banco il caso Denise Pipitone, questa volta a parlarne è “Quarto Grado”, il programma condotto da Gianluigi Nuzzi: i nuovi dettagli

Denise Pipitone (foto dal web)

Tra gli ospiti del programma di Rete Quattro, “Quarto Grado“, c’era Felice Grieco, la guardia giurata che nel lontano 2004, quando Denise Pipitone scomparve a Mazara Del Vallo il primo settembre, vide nei pressi di una banca di Milano “una bambina somigliante a Denise in compagnia di un gruppo di rom” e avvertì la polizia di Stato. Negli anni Grieco ha sempre detto che una donna chiamava la piccola che poteva essere Denise con il nome di Danàs, che d’altronde era molto simile a quello della Pipitone.

L’uomo però in quell’occassione non intervenne per appurare i fatti e riuscì solo a registrare un video. In seguito questa donna di origini rom non è più stata interpellata né rintracciata. Sempre la guardia giurata ha raccontato durante “Quarto Grado“: “Sono andato dai carabinieri per una denuncia. Qualche giorno fa ho avuto una segnalazione da una signora che vuole rimanere anonima, mi ha inviato un link di un articolo che parla di rom. C’erano delle persone e io tra queste ho riconosciuto la donna di Milano, quella che accompagnava la piccola Danàs“. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Amici, il grande cantante ricoverato per emorragia celebrale: “Condizioni gravi”

Le parole della guardia giurata sul caso Denise Pipitone

Denise Pipitone viva
Denise Pipitone (foto dal web)

Felice Grieco ha poi continuato dicendo che è un fisionomista e quindi ricorda con facilità i volti delle persone. E quindi ha segnalato alle autorità questo fatto e “formalizzato il riconoscimento”, con la speranza di riuscire quindi ad arrivare a quella donna rom del video. Durante un’altra intervista Grieco ha detto che per lui di tratta di sicuro di quella donna.

Denise Pipitone testimone
Denise Pipitone (foto dal web)

“Chiamai prima mia moglie, subito dopo la polizia e chiesi di poter intervenire con una scusa, ma mi fu detto di aspettare il loro intervento. Feci anche il famoso video, mi dissi che almeno così avevano una faccia da riconoscere, da controllare”, ha asserito la guardia giurata.

DENISE PIPITONE, TUTTA LA STORIA NEL VIDEO SOTTORIPORTATO