Maneskin, dopo l’Eurovision il gruppo perde un pezzo. I dettagli

Maneskin. Il gruppo rock italiano vincitore dell’Eurovision non arresta la sua corsa verso il successo. Arriva notizia di un cambio interno che porterà conseguenze importanti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

Non si placa il delirio da Maneskin. A due settimane esatte dal trionfo all’Eurovision song contest, la rock band che aveva già incantato l’Italia e raggiunto la vetta del Festival di Sanremo, adesso è completamente proiettata alla conquista delle charts del mondo intero. Ci sta riuscendo egregiamente: i dati parlano chiaro. Il loro brano “Zitti e buoni” ha guadagnato il Doppio Disco di Platino. É entrato prepotentemente nella top 10 mondiale di Spotify. Risulta essere il singolo italiano con più stream di tutti i tempi e, inoltre, è riuscito a prendere posizione nelle classifiche inglesi, fatto che non si registrava da 30 anni per una canzone italiana.

L’enorme consenso che la band sta ottenendo a livello globale ha fatto sì che cambiasse qualcosa d’importante nella formazione interna dello staff che gira intorno a essa.

Maneskin: la decisione inaspettata

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marta Donà (@martalatarma)

Adesso che stanno ottenendo interesse e fama a livello internazionale, dopo la vincita dell’Eurovision Song Contest, i Maneskin hanno deciso di licenziare la manager che li ha portati al trionfo, Marta Donà.

NON PERDERTI ANCHE —> Maneskin, Victoria e la rivelazione mai fatta: i fan restano senza parole

La stessa donna ne dà notizia sul proprio profilo Instagram attraverso un messaggio che non nasconde per nulla il dispiacere e l’amarezza: “Abbiamo trascorso 4 anni indimenticabili pieni di sogni da esaudire e di progetti realizzati. Io vi ho portato fino a qui. Da adesso in poi avete deciso di proseguire senza di me. Ho il cuore spezzato ma vi auguro il meglio dalla vita ragazzi”.

NON PERDERTI ANCHE —> Samantha Curcio, accuse pesanti sul fisico: interviene Alessio

La scelta della band è dettata probabilmente dal desiderio di essere seguita da un professionista che abbia più esperienza e contatti fuori dai confini italiani.

Marta Donà fa parte di un team tutto al femminile, Latarma Management, che ha chiuso l’anno con un fatturato di 572mila euro e che segue, tra gli altri, anche Marco Mengoni, Alessandro Cattelan e Francesca Michielin. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Marta Donà (@martalatarma)

I commenti sui social sono diametralmente opposti tra chi non perdona il “tradimento” di Damiano e compagni, e chi, invece, giustifica l’accaduto essendo meramente una questione di lavoro.