Notano acqua uscire dalla porta del vicino: tragico ritrovamento in un’abitazione

Un uomo di 85 anni è stato trovato morto nella mattinata di ieri all’interno della doccia del suo appartamento, nel centro storico di Venezia.

Doccia
(tookapic da Pixabay)

Dramma nel centro storico di Venezia, dove un uomo di 84 anni è stato ritrovato senza vita all’interno del suo appartamento. A fare la tragica scoperta i soccorsi, allertati dai vicini di casa che avevano visto fuoriuscire dell’acqua dalla porta d’ingresso dell’abitazione. I soccorritori entrando hanno ritrovato l’anziano esanime in bagno con il rubinetto della doccia ancora aperto. Dai primi riscontri, pare che l’uomo sia rimasto vittima di un incidente domestico scivolando in bagno e battendo la testa.

Venezia, scivola mentre fa la doccia: uomo di 85 anni ritrovato morto in casa

Nella tarda mattinata di ieri, domenica 6 giugno, un uomo di 84 anni, di cui non è stata resa nota l’identità è stato ritrovato privo di vita all’interno della sua abitazione, sita nella zona di San Lio a Castello a Venezia.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco Asiago (Stillkost – Adobe Stock)

Leggi anche —> Precipita in un canalone: escursionista muore dopo un volo di circa 300 metri

Secondo quanto riporta la redazione della testata locale La Voce di Venezia, a lanciare l’allarme sarebbero stati i vicini accortisi dell’acqua che fuoriusciva dalla porta d’ingresso dell’appartamento dell’anziano.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco ed il personale medico del Suem 118. I pompieri, aperta la porta, hanno ritrovato l’uomo riverso a terra in bagno con i rubinetti ancora aperti. I soccorsi hanno provato a rianimarlo, ma ogni tentativo è risultato vano: lo staff medico ha dichiarato sul posto il decesso.

Presso l’abitazione sono arrivati anche gli agenti della Polizia di Stato del capoluogo veneto per gli adempimenti del caso. Gli agenti hanno svolto gli accertamenti per capire cosa sia accaduto all’85enne.

Leggi anche —> Perde il controllo del Suv che si ribalta: morto ragazzo di 20 anni, ferito l’amico

Dai primi riscontri, sarebbe stata esclusa l’ipotesi di coinvolgimento di terzi. L’ipotesi più accreditata, scrive La Voce di Venezia, è quella secondo la quale l’uomo sia scivolato mentre si lavava sbattendo violentemente il capo contro i rubinetti della doccia. Non è chiaro se l’anziano possa essere stato colpito da un malore.

Vigili del Fuoco
Vigili del Fuoco (Stefano Neri – Adobe Stock)

Al momento la salma sarebbe a disposizione dell’autorità giudiziaria che potrebbe disporre nuovi accertamenti o firmare il nullaosta per la restituzione alla famiglia per le esequie.