Coronavirus, il bollettino dell’8 giugno: 1.896 nuovi casi e 102 decessi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi martedì 8 giugno, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha diramato il bollettino odierno con i dati dell’epidemia da Coronavirus diffusasi in Italia. Stando all’aggiornamento odierno, le persone risultate positive al virus dall’inizio dell’emergenza sono 4.235.592, ossia 1.896 casi in più rispetto a ieri. Risultano essere in calo i soggetti attualmente positivi che ammontano a 181.726 (-6.727) ed i ricoveri in terapia intensiva688 in totale e 71 in meno rispetto a ieri. I guariti salgono a 3.927.176 con un incremento di 8.519 unità rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 102 decessi che hanno portato il bilancio totale delle vittime nel nostro Paese a 126.690.

La Regione Emilia Romagna, si legge nelle notte, ha eliminato 2 casi dal totale, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da test molecolare. La Provincia Autonoma di Bolzano segnala che 13 dei 28 nuovi casi confermati da test molecolare derivano da test antigenici successivamente confermati da PCR. Il Veneto ha comunicato che per via di un errore dal 4 giugno ha sovrastimato il dato sulle Persone testate con test molecolare, che oggi viene pertanto corretto anche per i giorni precedenti.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di lunedì 7 giugno

Aggiornato ieri dal Ministero della Salute, sul proprio sito, lo stato relativo all’epidemia da Coronavirus diffusasi nel nostro Paese da oltre un anno.

Coronavirus
(Getty Images)

Stando al bollettino, i casi di contagio complessivi erano saliti a 4.233.698. Ancora in calo i soggetti attualmente positivi pari a 188.453, così come i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva759 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 3.918.657. Purtroppo continuava ad aggravarsi il bilancio delle vittime: il totale saliva a 126.588.

La Regione Abruzzo, si leggeva nelle note, sottraeva 1 caso dal totale dei positivi, in quanto duplicato, e segnalava che 2 dei decessi comunicati lunedì erano relativi a periodi precedenti. L’Emilia Romagna eliminava 2 casi dichiarati nei giorni precedenti, in quanto positivi al test antigenico ma non confermati da test molecolare. La Regione Marche specificava che era stato rettificato il dato sulle Persone testate relativo alla giornata di lunedì che risultavano essere 739.114 invece di 740.585. La Provincia Autonoma di Bolzano segnalava che 1 dei 4 nuovi casi confermati da test molecolare derivava da test antigenico successivamente confermato da PCR. Infine, il Veneto comunicava che alcuni casi confermati da test antigenico essendo stati successivamente confermati da test molecolare erano stati riclassificati tra quest’ultimi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 7 giugno: 1.273 nuovi casi e 65 decessi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di domenica 6 giugno

Il Ministero ha diramato domenica il bollettino relativo all’epidemia da Coronavirus diffusasi nel nostro Paese. Stando ai dati, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano saliti a 4.232.428. Proseguiva il calo dei soggetti attualmente positivi pari a 192.272, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva774 in totale. Le persone guarite erano 3.913.633 in totale. Il bilancio totale delle vittime saliva a 126.523.

La Provincia Autonoma di Bolzano, si leggeva nelle note, segnalava che tra i 39 nuovi casi confermati da test molecolare, 4 derivavano da test antigenici successivamente confermati da test molecolare. Il Veneto comunicava che il dato dei casi confermati da test antigenico risultava negativo rispetto a sabato, in quanto alcuni test antigenici confermati da test molecolare erano stati riclassificati tra quest’ultimi.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 6 giugno: 2.275 nuovi casi di contagio e 51 vittime

Covid-19, la campagna vaccinale procede spedita: le previsioni per settembre

Procede senza sosta la campagna vaccinale anti-Covid. Per il commissario straordinario dell’emergenza Francesco Paolo Figliuolo l’obbiettivo di immunizzare il Paese non sarebbe poi così lontano. Secondo le previsioni entro settembre l’80% degli italiani sarà coperto dal vaccino. Un risultato molto importante che potrebbe consentire di lasciarsi alle spalle l’emergenza e tornare – anche dal punto di vista sanitario- ad una gestione ordinaria delle attività.

A partire dal prossimo autunno, infatti, tornerà nelle mani delle Regioni la gestione del settore. A partire dalla somministrazione delle dosi di vaccino che no avverrà più esclusivamente negli hub, ma anche ad opera di medici di famiglia, pediatri e farmacie. Una soluzione quasi necessaria, considerati gli ultimi studi che prevedendo una limitata efficacia del siero in ordine alla copertura dal virus, potrebbero richiedere la somministrazione di una terza dose.

Non solo da settembre, man mano, la Protezione Civile tornerà ai suoi normali compiti dediti alla logistica, alla distribuzione, facendo gradualmente assorbire la situazione di straordinarietà e con essa il commissariato. Questo, ovviamente, sempre che non venga prorogato lo stato di emergenza fissato il 31 luglio.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —>  Covid-19, la campagna vaccinale procede spedita: le previsioni per settembre


Sono, dunque, ottimi i dati. Ma per mantenerli tali il Generale figliuolo chiede massima flessibilità alle Regioni le quali dovranno adoperarsi affinché anche nel mese di agosto si mantenga alto il trend giornaliero, oggi fissato alle 500 mila dosi.