Romina Power e il suo dolore: “Non si può morire così…”

L’attrice e cantante italo-americana vuole fare una preghiera per la giovane scomparsa ieri. Un lutto che l’ha colpita molto.

18enne AstraZeneca
Camilla Canepa (foto dal web)

Romina Power ha pubblicato su Instagram la foto della giovane scomparsa ieri. Un vuoto incolmabile e una morte ingiustificata che ha stretto l’artista intorno alla famiglia della 18enne.

Stiamo parlando di Camilla Canepa, la ragazza morta a soli 18 anni dopo che le è stata somministrata la prima dose del vaccino Astrazeneca.

La ragazza aveva partecipato all’open day organizzato il 25 maggio nella sua regione per ricevere il vaccino anti-covid ma l’effetto non è stato quello sperato.

Manifestando diversi malori e malesseri la ragazza è andata in ospedale per poi essere rimandata a casa. Il 5 giugno Camilla è tornata in ospedale e le è stata rivelata una trombosi al seno cavernoso. E’ stata operata per la rimozione del trombo e per ridurre la pressione intracranica ma un’emorragia cerebrale ha messo fine alla sua breve vita.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —-> Il look da fiaba di Chiara Ferragni alla Scala: ecco chi ha firmato il suo abito…

Il cordoglio di Romina Power

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower)

Camilla aveva una malattia autoimmune, soffriva di piastrinopenia e seguiva una cura ormonale. Purtroppo nel suo caso il vaccino Astrazeneca le è stato fatale.

La ragazza era felice di aver fatto il vaccino, non sapendo a cosa andava incontro.

Romina Power ha voluto regalarle un pensiero e stringersi attorno alla sua famiglia: “Prego per Camilla e che nessuno debba morire a quell’età con quel sorriso sulle labbra. Un sorriso che prometteva una vita felice e significativa. Mi stringo ai suoi genitori e parenti”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —-> Romina Carrisi: “Mia nonna arrestata..”, il motivo che non ti aspetti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Romina Power (@rominaspower)

La cantante sempre molto sensibile a vicende di questo tipo non può che essere affranta dal dolore: a 18 anni non si può morire così.