Due attacchi-bomba nella capitale: almeno 7 morti

Almeno 7 le vittime dell’esplosione di questo sabato 12 giugno: i due ordini hanno colpito due minivan.  

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da NHM (@nazerhm)

NON PERDERTI ANCHE >>> Bambino di soli 3 anni muore tragicamente. Una fine davvero orribile

Ancora violenza a Kabul. Nonostante l’iniziativa di riavvicinamento tra talebani e governo afghano a settembre 2020, la capitale e più grande città dell’Afghanistan continua a essere epicentro di sanguinosi attacchi. Proprio a partire dal mese di settembre l’intero territorio della Repubblica Islamica dell’Afghanistan è precipitato in un sensibile incremento della violenza nonostante l’avvio del processo dei “colloqui di pace” a Doha, capitale del Qatar, assieme al ritiro delle truppe internazionali.

La maggior parte delle aggressioni è avvenuta per mano di gruppi armati di talebani, responsabili anche di pericolose avanzate territoriali contro le forze di sicurezza; tra queste il controllo di due distretti nelle province di Ghor (centro) e Balj (nord). Questo sabato (12 giugno), Kabul è stata nuovamente scossa da due attacchi-bomba separati. A seguire i dettagli.

Due esplosioni contro due minivan: almeno 7 morti

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>>Violento temporale su un campo da golf: uomo muore colpito da un fulmine 

Sale a 7 il numero dei civili morti questo sabato (12 giugno) a causa dell’esplosione di due bombe in una zona sciita di Kabul, capitale e più grande città dell’Afghanistan. La notizia è stata confermata dal ministero dell’Interno locale, il cui rapporto localizza la prima deflagrazione all’altezza dell’area di Dasht-e-Barchi, nella parte occidentale di Kabul, provocando 1 morto e 4 feriti; mentre la seconda è avvenuta circa 30 minuti dopo in prossimità di Mahtab Qala, dove hanno perso la vita altre 6 persone.

Al momento nessun gruppo ha rivendicato i due attacchi separati. Tuttavia le degflagrazioni di questo sabato non sono dissimili ad altri attentati esplosi nel territorio per mano dello Stato Islamico. Tra i più recenti vi sono quelli di inizio giugno verso due autobus in servizio pubblico. L’evento era stato confermato dal funzionario Khodadad Tayeb, il quale precisò il numero delle vittime: almeno 12 morti, tutti civili.

Secondo quanto riportano le fonti locali, le due esplosioni hanno colpito due minivan a circa 2 chilometri di distanza l’uno dall’altro.

Fonte Reuters