Massimo Giletti, la crisi di nervi provocata da una collega

Si complica la situazione su La 7 per Massimo Giletti, messo alle strette da uno e più colleghi, è reduce di una crisi di nervi.

Massimo Giletti crisi nervi arena
Massimo Giletti (Getty Images)

Per il conduttore di “Non è l’Arena”, in onda tutte le domeniche su La 7, quest’ultimo non sembra essere un momento favorevole. Massimo Giletti, dopo aver chiesto ad una collega un confronto volendo apparire al contempo in un altro studio televisivo, è stato poi palesemente da lei rifiutato.

Con un invito formale Giletti avrebbe infatti richiesto di partecipare in questi giorni ad un altro programma di approfondimento giornalistico. Ed il rifiuto, oltre che ad una cospicua dose di amarezza, avrebbe immediatamente generato una spiazzante reazione a catena, al punto tale da far vacillare anche le sorti della sua trasmissione.

Leggi anche —>>> “Non dormo e ho attacchi di panico” Mara Venier è distrutta

Massimo Giletti: crisi di nervi provocata da una collega: i dettagli

Potrebbe interessarti anche —>>> Immobile raddoppia la vittoria: il segreto dell’esultanza diventa un cult

A dare picche al giornalista è stata la conduttrice di “Otto e mezzo”, Lilli Gruber, la quale si sarebbe espressa senza mezzi termini in merito alla sua riluttanza nel non voler ospitare questa volta Giletti nel suo studio. Secondo quanto affermato dalla Gruber, nonostante Massimo abbia già partecipato alla trasmissione nel ruolo di ospite, non sarebbe più gradito per motivi legati alla sua tendenza politica.

La reazione di Giletti non è stata dunque delle migliori tentando lo stesso esperimento ampliando il suo radar su altri show televisivi. Eppure qualcosa al giornalista torinese sembrerebbe andare anche stavolta per il verso storto. Anche Giovanni Floris, sottolineando il suo disappunto nei confronti di tale richiesta, negherà con decisione il suo consenso per la partecipazione di Giletti a “DiMartedì“.

Dopo aver ricevuto l’ammonimento da Floris, “tu hai già il tuo programma“, ed un successivo chiarimento ai vertici, Massimo pare abbia compreso lo stato di tensione in cui vertono i suoi attuali rapporti con gli altri conduttori del suo settore. Uno scenario post apocalittico dunque che potrebbe mettere a rischio anche la sorte del suo programma in seguito alle vacanze estive.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Non è l’Arena (@nonelarena)

Nel frattempo però il giornalista televisivo, nonostante l’imponente crisi di nervi alla quale ha appena dovuto far fronte, pare resti fermo sulla scia dei suoi progetti. Al momento, conclusesi le riprese ed i preparativi per la prossima puntata dello speciale sulla mafia, “ABBATTIAMOLI – Chi ha voluto le Stragi di Cosa Nostra?“, nulla esclude che tra le due alternative, soccombere o reagire, possa scegliere di passare al contrattacco.