Pippo Baudo, il ricordo del caro amico e collega: “Non potevi non volegli bene”

Pippo Baudo. Il presentatore siciliano ha festeggiato da poco il suo 85° compleanno. Ha ripercorso la sua carriera e ricordato un collega che non c’è più

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Streetnews.it 📖🍜🎈📱💼📨📷📹 (@streetnews.it)

Pippo Baudo, nato il 7 giugno del 1936 a Militello, in provincia di Catania, ha da poco spento 85 candeline. Il noto conduttore ha speso quasi interamente la sua vita al servizio del mezzo televisivo di cui è maestro e profondo conoscitore.

In occasione del suo recente compleanno, personaggi celebri hanno espresso sentimenti di gratitudine e lasciato un messaggio di tributo nei suoi confronti, poiché artefice delle carriere di molti di loro. Baudo è anche incorso in una piccola polemica causata dai toni di critica all’indirizzo dei colleghi Carlo Conti e Paolo Bonolis, rei (a suo parere) di proporre format ripetitivi e ormai esauriti di mordente.

In un’intervista rilasciata a “TvBlog” ha ripercorso i suoi inizi e raccontato del “debito” nei confronti di un’altra figura imponente del panorama televisivo italiano che ormai non c’è più.

Pippo Baudo. Il re della televisione italiana ricorda un amico speciale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @pippo_baudo1936

Pippo Baudo aveva solo 6 anni quando venne rapito dal fascino del palcoscenico e capì quale sarebbe stata la sua strada per il futuro. Interpretava a teatro il ruolo del figlio di Santa Rita Da Cascia. “Quell’esperienza si rivelò così profonda che il palcoscenico mi conquistò e non mi abbandonò più. Man mano che crescevo pensavo ad esibirmi, allo spettacolo. Diciamo che ero predestinato” – ha dichiarato il noto presentatore.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Giancarlo Magalli, l’annuncio che gela il sangue: è finita

Il primo impatto con la televisione, in veste da spettatore, avvenne grazie a Mike Bongiorno, altro grande dello spettacolo nostrano. “Nel 1956 venne installato un grande ripetitore sul Monte Faito in Campania che consentì al segnale di arrivare in Sicilia” – ricorda Baudo. “Era già esploso il grande successo di ‘Lascia o Raddoppia’. I proprietari dei cinema decisero di proiettare in sala la trasmissione di Mike e noi andavamo a vederla là”.

Il suo programma d’esordio risale al 1959, s’intitolava “Guida degli emigranti”. “Mi portarono a visitare gli emigranti in giro per l’Europa. In Belgio conobbi il padre del cantante Adamo, era un minatore” – ha detto il conduttore siciliano.

Grande nostalgia anche per il suo passato da speaker radiofonico: “Se ho una pronuncia italiana quasi perfetta lo devo alla radio”. Non solo, i ricordi si fanno più vividi pensando al rapporto con un collega, scomparso nel 1999. Stiamo parlando del grande Corrado. 

Leggi anche >>> Stefano De Martino e quel gesto bellissimo che non si dimentica

Le loro carriere sono intrecciate; Baudo, infatti, spesso ereditava i programmi del presentatore romano come “Gran Galà”, “Canzonissima” e “Domenica In”: “Lasciò Domenica In perché aveva litigato col presidente della Rai Paolo Grassi che lo aveva criticato, definendo il contenitore privo di cultura. A quel punto chiamarono me, presi il suo posto senza volerlo”. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Andrea Mini (@andreamini86)

Com’era il loro rapporto personale? “Non potevi non volere bene a Corrado” – ha dichiarato Pippo Baudo“possedeva la tipica ironia e comicità romana. Ma non era affatto cattivo”.