Razzismo a scuola, il duro sfogo del padre della vittima

Un episodio inaccettabile a Perugia, una docente pronuncia una frase razzista che è costata cara al minore, di origine nordafricana.

Razzismo a scuola
Scuola (getty images)

Un episodio gravissimo quello che è accaduto in una scuola italiana. Siamo a Perugia e la protagonista di questo fatto è una docente. La professoressa infatti avrebbe proferito le seguenti parole ai suoi alunni: “Bisogna isolare quello scimpanzé, non dovete parlare con lui” riferendosi ad un alunno di origine nordafricana, assente quel giorno.

Un’esternazione infelice, razzista e che ha colpito negativamente gli studenti i quali tramite audio sulla nota app di messaggistica hanno informato il diretto interessato. Il giovane a causa di tali affermazioni avrebbe subito delle conseguenze nocive sul piano psicologico tanto da affidarsi alle cure di esperti.

Di questo ne parla il minore a distanza di mesi proprio su Facebook in un lungo post diventato subito virale e che ha suscitato tristezza e tanta solidarietà per il giovane. Dure altresì le parole del padre: “Ho aspettato tutto l’anno scolastico che succedesse qualcosa, a fronte del fatto che un ragazzino non andava più a scuola. Ho aspettato che l’istituto prendesse provvedimenti nei confronti di una professoressa e insegnante di sostegno. Ma non è successo niente”.

LEGGI ANCHE —> Michele Merlo, arrivati i risultati dell’autopsia

Razzismo a scuola, l’intervento del padre: “Da allora è stato un disastro”

Razzismo a scuola
Scuola (getty images)

LEGGI ANCHE —> Cade dal terzo piano dopo una lite: uomo ricoverato in gravissime condizioni

“Gli hanno anche mandato un messaggio vocale, nel quale gli spiegavano cos’era successo in sua assenza”, questo quanto dichiarato dal padre della vittima che ha fatto sapere di aver presentato querela ai Carabinieri per indagare sul caso. L’uomo precisa inoltre come abbia atteso che finisse la scuola per poter divulgare questo spiacevole episodio di razzismo che risale quasi all’inizio dell’anno scolastico, ovvero a ottobre.

“Da allora è stato un disastro mio figlio non voleva più andare a scuola e solo con l’aiuto di uno psicologo è riuscito a riprendere con le lezioni. Anche se lo specialista mi ha detto che era stato fatto un grosso danno: non si sentiva più a suo agio in classe”.

Un evento che ha lasciato degli strascichi psichici al minore.

Razzismo a scuola
Carabinieri (pixabay)

“Mi aspettavo almeno un tentativo di riconciliazione, che l’insegnante si scusasse, ma niente. A questo punto sono stato costretto prima a denunciare, poi a raccontare a tutti” così conclude il padre, ancora incredulo per quanto accaduto.