Bambini di 2 e 3 anni morti annegati in piscine private

Due incidenti separati a distanza di due giorni: il primo è avvenuto venerdì 11 giugno, il secondo domenica 13 giugno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Morgane Carradec (@morganecarradec)

Doppia tragedia in Francia a distanza di pochi giorni. Due bambini sono morti in due incidenti separati. Le tragedie risalgono allo scorso fine settimana; precisamente nei dipartimenti di Charente e Charente-Maritime, a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro. Siamo nella regione francese della Nuova Aquitania, dove i due bimbi, rispettivamente 2 e 3 anni, hanno perso la vita tra le mura domestiche, cadendo accidentalmente in acqua delle rispettive piscine private di famiglia. Secondo quanto riferiscono i media locali, pochi minuti prima della tragedia, l’attività di entrambe le vittime era sfuggita all’occhio dei genitori. A seguire i dettagli riportati dai notiziari francesi.

NON PERDERTI ANCHE >>> Attentato suicida contro i militari: almeno 15 morti e decine di feriti

Due tragedie simili a pochi chilometri di distanza: le identità delle vittime

Polizia francese
Polizia francese (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Orrore in un’abitazione: uccide la figlia di 6 anni e tenta il suicidio

Stando a quanto riferisce Sud Ouest, un bambino di 3 anni ha perso la vita lo scorso venerdì (11 giugno), morto annegato nella piscina privata a casa del padre, a Macqueville, nel dipartimento di Charente-Maritime. Il bimbo è stato trasportato d’urgenza al centro ospedaliero (CHU) Pellegrin di Bordeaux per il ricovero in codice rosso. I tentativi di rianimazione sono stati vani: il piccolo è stato dichiarato morto dal personale medico. Questa domenica (13 giugno), una tragedia simile si è verificata a Louzac-Saint-André, a pochi chilometri da Macqueville. Siamo nei pressi di Cognac, in Charente, dove un bimbo, appena 23 mesi, è morto annegato nella piscina di famiglia. Le autorità locali hanno annunciato l’avvio all’inchiesta. Secondo i primi elementi, entrambi i bambini erano sfuggiti alla vigilanza dei genitori.

La procura di Saintes ha ricordato ai residenti di rendere le proprie piscine più protette attraverso l’installazione di appositi dispositivi di sicurezza. Il messaggio del procuratore è rivolto in particolare ai genitori: necessaria responsabilità e assidua vigilanza nei confronti dei minori.

Fonte Sud Ouest