Fabrizio Corona, 9 poliziotti in casa: il fotografo devastato – VIDEO

Fabrizio Corona. Nuovi guai per l’ex re dei paparazzi. É finito online il video della visita di quattro volanti presso la sua abitazione dove si trova agli arresti domiciliari

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabrizio_corona_official_fan)

Fabrizio Corona, comè noto, si trova agli arresti domiciliari nuovamente dopo che nel marzo 2021 il tribunale di sorveglianza di Milano ne aveva disposto il ritorno in carcere.

É avvenuto un controllo alle 3 di notte da parte della polizia dopo che è stata fatta una segnalazione a suo carico per schiamazzi. Le forze dell’ordine hanno potuto attestare la regolarità della situazione, tuttavia l’ex re dei paparazzi ha diffuso sul web un video che ritrae il colloquio animato con un agente.

Fabrizio Corona è infatti autorizzato a ricevere visite, a meno che non si tratti di persone pregiudicate. Citando il codice penale, ha accusato i poliziotti intervenuti di non aver rispettato la legge e aver compiuto un abuso.

Fabrizio Corona si sente perseguitato dalle forze dell’ordine

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Nel video diffuso sul web da Fabrizio Corona, si sente chiaramente dire dall’ex re dei paparazzi: “Voi, polizia, siete stati chiamati da un ipotetico vicino per schiamazzi notturni. Avete verificato che ve ne siano stati?”.

Leggi anche —> Travolto da un camion durante manifestazione: morto giovane sindacalista

La risposta dell’agente è stata drastica: “No, ma lei al momento è un detenuto in regime di detenzione domiciliare, se viene fatta una segnalazione è nostro dovere controllare.

Corona non si è fatto cogliere in fallo, codice penale alla mano: “Nel momento in cui entrate in un’abitazione privata, basta suonare il campanello, presentarvi come la polizia che sta facendo un controllo e io vi avrei detto: ‘Prego, venga’. Ma voi vi siete presentati alle 3 del mattino in dieci persone. In base a quale diritto?”.

“Sulla base che lei è un detenuto agli arresti domiciliari.” – Il diagolo si è poi concluso con la richiesta di Corona di esibire un mandato. L’episodio arriva dieci giorni dopo un’ennesima accusa a suo carico. Riguarda un’aggressione a pubblico ufficiale, dopo aver tentato di riprendere un telefono cellulare di sua proprietà.

Fabrizio Corona ha scritto, inoltre, un lunghissimo post su Instagram in cui, sentendosi perseguitato, fa appello anche al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Leggi anche —> Drammatico incidente in moto: uomo perde la vita, ferita una donna

“In un momento così drammatico per il nostro paese dove da chiunque, il popolo, la corte europea, gli avvocati, i detenuti, alcuni magistrati stessi, si richiede un urgentissima Riforma della Giustizia, alcuni esponenti delle istituzioni decidono, in maniera arbitraria, senza motivo, di delegittimare quel barlume di legalità che rimaneva in Italia... Io con tutti i problemi personali che ho, psichici e familiari, rinchiuso in casa da due anni senza l’ora d’aria, nonostante cerchi di impedire che qualsiasi cosa di illegale possa venire attorno a me, e mi ritrovo 9 POLIZIOTTI IN CASA ARMATI…” – queste alcune delle parole espresse da Corona.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

“Sono stanco, non ce la faccio più, ve lo chiedo per favore, lo chiedo al Presidente della Repubblica. Lasciatemi vivere in pace la mia vita legale con i miei immensi problemi”. Ha poi concluso, adducendo che i poliziotti intervenuti hanno minacciato di farlo rinchiudere nuovamente in carcere.