Incidente sulla via ferrata: morto bambino di 11 anni

Escursione in famiglia tramutata in tragedia. Il drammatico evento è accaduto ieri, sabato 19 giugno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da retiphotography (@reti30)

Escursione in famiglia trasformata in tragedia. È successo questo sabato 19 giugno nell’Aveyron, dipartimento francese dell’Occitania. La tragedia si è consumata in tarda mattinata, i media locali precisano l’orario intorno alle ore 13:30, quando bambino di 11 anni è morto mentre stava percorrendo una via ferrata insieme alla famiglia nel comune di Argences-en-Aubrac. Dopo due ore di ricerca i vigili del fuoco, affiancati dalla squadra di soccorso in ambiente pericoloso, il Grimp (Gruppo di ricerca e intervento in ambiente pericoloso), l’elicottero della sicurezza civile e il Dragon 34, hanno ritrovato il corpo senza vita della giovane vittima. A seguire i dettagli.

LEGGI ANCHE >>> Pullman precipita in una scarpata: 27 vittime, 16 feriti

L’attività di ricerca e le parole del sindaco locale

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Vues du Vallon (12) (@vallon1jour)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Bambino di 6 anni muore cadendo dal sesto piano

Le attività di ricerca sono durate circa due ore, fino alle 15:30, quando l’elisoccorso della sicurezza civile ha avvistato il corpo della vittima. I soccorsi hanno dichiarato ai media di aver ritrovato il piccolo in stato di arresto cardiocircolatorio e lo hanno trasferito d’urgenza in ospedale per il ricovero nel reparto di terapia intensiva. Vani i tentativi di rianimazione: il paziente non ce l’ha fatta ed è stato dichiarato il giorno stesso dal personale medico; anche se i vigili del fuoco dell’Aveyron ritengono che il giovane sia morto sul colpo.

Per l’attività di ricerca è stata mobilitata un’ampia squadra di vigili del fuoco specializzati nel pronto intervento e soccorso in ambienti considerati pericolosi: il Grimp, o “Groupe d’intervention en milieu périlleux.” L’incidente è avvenuto difatti lungo un sentiero particolarmente accidentato e di difficile percorrenza, dove l’11enne ha perso ha perso la vita cadendo da un’altezza di oltre 80 metri. I soccorsi sono rimasti in prima serata, con il nucleo familiare della vittima per fornire adeguato supporto psicologico ai genitori, estremamente sconvolti dall’accaduto. La procura di Rodez hanno annunciato l’avvio all’inchiesta per determinare con certezza cause e dinamiche dell’incidente.

L’assistenza psicologica è aperta anche agli altri escursionisti testimoni della tragedia. In merito, il sindaco della città Jean Valadier, ha confermato che diversi gruppi avrebbero assistito alla fatale caduta, compresi i giovani vigili del fuoco volontari attivi.

Fonte La Depeche