Malore in bici: campione amatoriale muore davanti all’amico

Il campione amatoriale di ciclismo Enrico Sammarini è morto dopo essere stato colto da un malore mentre percorreva in bici l’Alzaia del Naviglio (Milano).

Incidente bici
(crevis – Adobe Stock)

Si è sentito male mentre pedalava in sella alla sua bicicletta ed è caduto sull’asfalto. È morto così un uomo di 69 anni nella giornata di sabato lungo l’Alzaia del Naviglio, tra Casorate e Besate, in provincia di Milano. Insieme al 69enne c’era un amico che ha subito tentato di soccorrerlo ed ha chiamato il 118. Sul posto è arrivata l’equipe medica, ma purtroppo ogni tentativo di rianimazione si è rivelato inutile. Intervenuti anche i carabinieri per gli accertamenti del caso.

Milano, malore in bici: morto Enrico Sammarini, campione amatoriale di ciclismo

Nel primo pomeriggio di sabato scorso, 19 giugno, un uomo è morto dopo essere stato colpito da un malore mentre percorreva in bici l’Alzaia del Naviglio, tra Casorate e Besate, in provincia di Milano.

Ambulanza
Ambulanza (Marcodotto – AdobeStock)

A perdere la vita Enrico Sammarini, 69enne di Robecco sul Naviglio, grande appassionato di ciclismo e più volte campione amatoriale. Il 69enne, scrive la redazione de La Provincia Pavese, stava pedalando insieme ad un amico quando improvvisamente si è sentito male ed è caduto. L’amico ha provato a soccorrerlo ed ha subito lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Precipita da una scala durante dei lavori di manutenzione: morto un uomo

In pochi minuti, sul posto è arrivata l’ambulanza con a bordo lo staff sanitario che ha provato per oltre 40 minuti a rianimare Sammarini. Alla fine, purtroppo, i medici si sono dovuti arrendere costatandone sul posto il decesso. Sopraggiunti anche i carabinieri che hanno sentito l’amico del 69enne ed hanno provveduto agli accertamenti di rito.

Leggi anche —> Inferno sulla A1, autocisterna in fiamme: ci sono delle vittime

La drammatica notizia della morte di Enrico Sammarini ha gettato nello sconforto la comunità di Robecco sul Naviglio e tutto il mondo del ciclismo amatoriale.


Tra i tanti messaggi di cordoglio anche quello dell’Acsi Ciclismo Milano che su Facebook ha scritto: “È con molta tristezza comunicare la perdita di un amico nonché nostro tesserato mentre era in biciletta. Un Campione anche nella morte che l’ha colto oggi. Una preghiera da parte di tutto il Comitato“.