Motoscafo killer sul Lago di Garda: i turisti alla guida ritornano in Germania

I due turisti tedeschi accusati di omicidio e mancato soccorso, a seguito della tragedia avvenuta sul Garda lo scorso fine settimana, sono ritornati in Germania.

Lago di Garda
Lago di Garda (travelspot – Pixabay)

52 anni, amici, padri di famiglia ed entrambi amanti del lago. I due turisti tedeschi indagati a seguito del tragico incidente avvenuto sul Lago di Garda lo scorso fine settimana sono ritornati in Germania. Tra la notte di sabato e domenica, al timone del motoscafo Riva Acquarama, avrebbero travolto due giovani, alla guida di una piccola imbarcazione, spegnendo per sempre le loro vite.

Si tratta dell’imprenditore 37enne Umberto Garzarella, morto sul colpo, e della studentessa 25enne Greta Nedrotti, ritrovata dopo dodici ore di ricerche. La tragedia è avvenuta quando i turisti, dopo aver cenato sulla sponda opposta del lago, stavano ritornando in porto come le vittime. Durante il tragitto il motoscafo ha travolto il gozzo in uno scontro fatale.

I 52enni, residenti a Monaco di Baviera, sono accusati di omicidio colposo e omissione di soccorso. Infatti a seguito dell’impatto con la piccola imbarcazione non si sarebbero fermati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Ragazza e amico trovati senza vita in un canale: indagini in corso

Tragedia sul Garda: atteso il responso dell’alcol test dei turisti incriminati

Polizia Locale
Polizia Locale (nikhg – Adobe Stock)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >  Ragazzo trovato morto sui binari della stazione: indaga la Polizia

I turisti tedeschi, uno direttore finanziario, l’altro dirigente commerciale, hanno lasciato l’Italia tornando in Germania in quanto nei loro confronti non è ancora stato avviato un provvedimento restrittivo. In corso le indagini per fare chiarezza sulle dinamiche dell’incidente, la coppia di amici rimane a disposizione degli inquirenti.

Dopo la tragedia i turisti sono indagati a seguito del rilevamento sulla loro imbarcazione di allarmanti segni e della presenza di schegge ancora provenienti dalla barchetta di legno.

Accusati di omicidio colposo e mancato soccorso, i due si sono difesi affermando come per via del buio non siano riusciti a vedere il gozzo. Ma per gli agenti non sembra essere possibile che non abbiamo assistito all’urto, visto che sulla piccola imbarcazione vi erano due persone.

Tra le ipotesi si sta indagando se i turisti avessero bevuto. In queste ore si sta attendendo il responso dell’alcol test a cui si sono sottoposti i turisti.

Polizia
(Fleimax – Pixabay)

Sul posto due testimoni hanno rivelato come al momento dell’incidente abbiamo sentito un forte rumore per poi vedere l’imponente motoscafo attraversare le acque a velocità sostenuta. A causa dell’oscurità, non sono riusciti tuttavia a capire cosa fosse successo.