Uomo di 50 anni morto accoltellato, la moglie: “l’ho ucciso io”

L’imputata ha ammesso di aver ucciso il compagno. Il contesto coniugale era alterato da alcolismo e violente liti. 

Polizia francese
Polizia francese (Getty Images)

Omicidio al primo piano di un edificio di rue de l’Écusserie a Saint-Omer, nel dipartimento di Passo di Calais, in Alta Francia. La tragedia si è consumata questo lunedì 21 giugno. A riferirlo è la polizia locale, la cui fonte dichiara che l’appartamento è stato transennato e sigillato per l’avvio alla procedura d’indagine. Sulla natura del reato le forze dell’ordine non hanno dubbi: si tratta di omicidio. A tal proposito, “in questa fase” – ha dichiarato ai media il portavoce del Pubblico Ministero di Saint-Omer Patrick Leleu – “è stata aperta un’inchiesta per omicidio di coniuge.” L’unica sospettata è la moglie, 47 anni, arrestata nella mattinata di questo lunedì e presa in custodia presso la stazione di polizia locale. A seguire maggiori dettagli riportati dai notiziari francesi.

NON PERDERTI ANCHE >>> Simulazione terremoto: donna muore cadendo dal quinto piano

La confessione dell’imputata e la testimonianza dei vicini

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Forti piogge torrenziali e temporali: una persona scomparsa – FOTO

La 47enne, sospettata di aver ucciso a coltellate il compagno di 50 anni, è stata arrestata e presa in custodia della polizia la mattina stessa del 21 giugno. I fatti sono avvenuti precisamente nella notte tra domenica 20 e lunedì 21 giugno; mentre il corpo della vittima è stato ritrovato intorno alle 3:45, dopo previo allarme e richiesta di aiuto da parte della moglie. Interrogata dagli ufficiali della stazione di polizia di Boulogne-sur-Mer, la donna “ha ammesso di aver accoltellato il suo compagno“, pur sottolineando diverse volte di aver agito senza reale intenzione uccidere.

Nell’appartamento l’atmosfera è intollerabile. La vicina del secondo piano, esattamente sopra l’appartamento dove è avvenuta la tragedia, testimonia un contesto coniugale alterato da frequenti episodi di alcolismo, violenza e litigi.Quella notte, intorno all’1:30, li sentimmo tornare a casa. […] Stavano già litigando in strada; il diverbio è poi continuato nel loro appartamentoVivo qui da nove anni, quando sono arrivato lei era già lì. […] I litigi erano all’ordine del giorno; diverse volte ho chiamato la polizia.”  La vicina e il suo compagno sono stati convocati lunedì alla stazione di polizia di Saint-Omer per riferire le loro testimonianze agli ufficiali. “È stato proprio all’interno dell’edificio delle forze dell’ordine che abbiamo scoperto che l’uomo era deceduto. Siamo scioccati.”

Polizia Francia
Polizia francese (Getty Images)

Questo lunedì mattina, il frenetico via vai della polizia scientifica sul piccolo pianerottolo del primo piano continua a scuotere l’animo della vicina e dei suoi figli.

Fonte La Voix du Nord, Cnews