Denise Pipitone, nuova testimonianza: rivelazioni sconvolgenti dal passato

Spuntano novità nel caso di Denise Pipitone. Emerge un nuovo testimone che ha rivelato indiscrezioni inedite.

Denise Pipitone
Denise Pipitone (Instagram @unitipercercare)

Retroscena inaspettato e rivelazioni inedite. La vicenda di Denise Pipitone si infittisce tra la riapertura del fascicolo del caso e nuovi indagati. Ma non solo, sono infatti spuntati in questi mesi nuovi testimoni, tra cui di recente Peppe, ex poliziotto mai ascoltato che ha rivelato indiscrezioni sulla famiglia della piccola scomparsa il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo.

Nell’ambito della trasmissione “Quarto Grado”, sono stati svelati dettagli inaspettati. L’uomo, ex ispettore della polizia giudiziaria, avrebbe interrogato all’epoca della sparizione di Denise, il fidanzato di Jessica Pulizzi, Gaspare Ghaleb. Inoltre si sarebbe occupato della gestione delle intercettazioni dei sospettati durante le prime fasi investigative.

La ricostruzione della testimonianza di “Quarto Grado” è stata trasmessa nonostante Piera Maggio, la mamma di Denise, abbia in questi giorni diffidato la trasmissione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Lago di Garda, spuntano nuovi indizi sulla morte di Umberto e Greta

“Quarto grado”: nuova ricostruzione sul caso di Denise Pipitone

Denise Pipitone cellulare
Denise Pipitone (foto dal web)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Esplosione aereo di linea in volo: Roma-Catania

Negli studio di “Quarto Grado” durante l’ultima puntata è stata ricostruita la versione del nuovo testimone che potrebbe cambiare il corso del caso di Denise Piptione. In particolare si è puntato l’attenzione sul momento in cui Anna Corona, ex del padre di Denise, e la figlia sono state interrogate al commissariato di Mazara del Vallo nella stessa stanza. Jessica avrebbe esordito affermando “A casa ce la purtai”. Parole seguite dal commento della madre che interrompendola avrebbe sottolineato: “Problemi con Dio ne hai?”

Il testimone ha poi rivelato di essere il Peppe citato durante le intercettazioni per poi concludere affermando come durante le indagini vi fossero troppe persone sul caso.

Nel format inoltre è arrivata la replica alla diffida da parte di Piera Maggio per via di frasi pronunciate nel programma nei suoi confronti. Nonostante tutto il team della trasmissione ha deciso di continuare a seguire la vicenda.

“Se mamma Piera Maggio vuole delle scusa da noi, io le faccio. C’è un patto importante tra Quarto Grado e voi telespettatori. Questo patto ha una sola regola: la notizia prima di tutto”, il commento del conduttore Gianluca Nuzzi.