Precipita da un sentiero sotto gli occhi del marito: donna muore dopo un volo di circa 60 metri

Una donna di 56 anni è morta ieri pomeriggio precipitando da un sentiero sulla Grignetta, meta alpinistica in provincia di Lecco, dove si era recata insieme al marito.

Elisoccorso
(murmakova – Adobe Stock)

Nella giornata di ieri, una donna di 56 anni ha perso la vita precipitando da un sentiero durante un’escursione insieme al marito sulla Grignetta, meta alpinistica in provincia di Lecco. La donna, dopo aver perso l’equilibrio, sarebbe caduta nel vuoto da un’altezza di circa 60 metri. Giunti sul posto, i soccorsi non hanno potuto far altro che constatare il decesso della donna e procedere al recupero della salma.

Lecco, precipita da un sentiero davanti al marito: morta impiegata comunale di Vimodrone

Una drammatica caduta nel vuoto da un’altezza di circa metri è costata la vita a Roselena Pina, 56enne di Cassina de’ Pecchi (Milano).

Montagna
(Simon Steinberger – Pixabay)

È accaduto nel primo pomeriggio di ieri, sabato 26 giugno, sul versante ovest della Grignetta, meta alpinistica in provincia di Lecco. La 56enne, stando a quanto riporta la redazione de Il Giorno, si era recata sulla montagna per un’escursione insieme al marito. Mentre la coppia percorreva un sentiero, Roselena, per cause ancora da accertare, avrebbe perso l’equilibrio precipitando nel vuoto sotto gli occhi del coniuge che avrebbe provato ad afferrarla, ma è riuscito solo a sfiorarle la mano.

Leggi anche —> Si tuffa in acqua e non torna più a riva: uomo ritrovato senza vita in mare

Lanciato l’allarme, sul posto sono arrivati gli uomini del soccorso alpino e l’elisoccorso del Cnas di Como. Raggiunto il punto in cui era caduta la vittima, i medici non hanno potuto far altro che constatarne il decesso, sopraggiunto per le gravi ferite. I soccorritori hanno proceduto, dunque, con il recupero della salma.

Leggi anche —> Malore alla guida mentre torna a casa dopo il lavoro: muore vigilantes

La tragedia ha sconvolto la comunità di Cassina de’ Pecchi e quella di Vimodrone, dove la vittima lavorava come messo notificatore comunale e impiegata all’Ufficio Protocollo nel municipio. Sulla pagina Facebook del comune di Vimodrone è apparso un messaggio di cordoglio per la famiglia della 56enne, che lascia il marito ed un figlio.


Una notizia – si legge nel post- che ha lasciato tutti i colleghi sgomenti e affranti. Al marito e al figlio che si sono dovuti prematuramente privare dell’affetto della cara Elena va il cordoglio di tutto il Comune e le nostre più sentite condoglianze”.