Rosalinda Cannavò, la confessione inquietante: “Vi spiego perchè ho paura”

Rosalinda Cannavò parla per la prima volta in tv del suo passato e dei compromessi ai quali è arrivata per avere successo 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rosalinda Cannavò (@adua.del.vesco)

Vuota il sacco Rosalinda Cannavò, la ex Adua del Vesco delle fiction Mediaset, sul caso Ares Gate. Lo ha fatto ieri sera, in diretta su LiveNow, nel programma di Gabriele Parpiglia “Il Bianco e il Nero” nella puntata intitolata “Compromessi d’identità per il successo”.

“Rosalinda sinonimo di verità” così il giornalista e autore tv ha presentato la giovane che, oltre che nei luoghi opportuni, non ha mai parlato, in tv e sui giornali, della questione. Aveva fatto capire qualcosa durante la sua permanenza nella casa del “Grande Fratello Vip” ma non era mai scesa nei particolari. La procurta di Roma ha aperto un’inchiesta, sentito molti volti noti della tv e per il momento ha iscritto Alberto Tarallo nel registro degli indagati.

Il sogno di Rosalinda era quello di fare l’attrice. Tanti provini e tante trasferte da Messina a Roma, in autobus. Poi finalmente l’ingaggio che le cambia la vita e l’ingresso nell’agenzia Ares. Fin da subito lei ha ammesso che per fare carriera ha “accettato dei compromessi” ma le conseguenze su di lei sono state devastanti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> “Temptation Island”, cambio di programmazione a sorpresa: quando va in onda

Rosalinda Cannavò: tutta la verità sul caso Ares

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->  Al Bano, decisione senza precedenti: è finito tutto

Una sorta di cambio di identità quella che la giovane Rosalinda Cannavò ha iniziato appena entrata nell’Ares, l’agenzia di produzione di Alberto Tarallo. È questo che lei ha puntualizzato ad inizio della sua “confessione” con Gabriele Parpiglia.

Ha cambiato nome ed età la giovane, dicendo a tutti di avere due anni in meno ”perché ero già vecchia per il contesto spettacolo – ha spiegato – dopo i 25 anni ero vecchia per poter lavorare”. Questo quello che veniva detto all’ormai ex Adua De Vesco. L’attrice ha spiegato che proprio per questo motivo ha vissuto, negli anni passati, “costantemente con l’ansia di crescere perché pensavo che alla soglia dei 25 anni non avrei più lavorato”.

Rosalinda ha ammesso che tutto il pressing psicologico che ha subito dall’uscita dalla casa del GF ad oggi è stato difficile, non facile da gestire. Non nega nulla l’attrice parlando del periodo della sua permanenza nella Ares come un “periodo terribile della mia vita”.

“Il peso di tutto quelle menzogne e di cose che dovevo nascondere sotto il tappeto mi ha soffocato e mi ha spinto nel profondo – ha ammesso – ho sofferto di disturbi alimentari e di anoressia. Non lo nego ho pensato più volte di farla finita”. Un racconto lineare ma crudo e vero. Poi il suo allontanamento dalla società. Ha tenuto a ribadire che è stato “volontario, c’era anche una proposta di lavoro ma io sono andata via spontaneamente”.

Rosalinda è tornata in Sicilia e sua mamma non l’ha fatta più ritornare a Roma. “Io non riuscivo nemmeno a camminare, i miei organi potevano smettere di funzionare da un momento all’altro”. Mostra le foto delle sue gambe magrissime, scheletriche, alcuni selfie con un viso scavato.

Poi grazie all’aiuto dei suoi cari, di medici e specialisti che l’hanno seguita in un centro dedicato ai disturbi alimentari, l’ex gieffina ne è uscita ed è rinata. Oggi dice: “Io non mi riconosco più in quelle foto”.

Alla fine però la confessione più inquietante: “Ho paura di tornare a casa, vivo da mesi con quest’ansia a causa di tutto quello che si è scatenato – ha ammesso – Temo che mi possa succadere qualcosa”, anche se ha precisato di non aver mai assistito a nessun episodio preoccupante.