Grave tragedia in tv, lutto per Fabio Fazio e Celentano

Paolo Beldì, noto regista, si è spento. Grande il suo legame negli anni con Fabio Fazio e Celentano. Tutto il mondo della tv è in lutto. 

Paolo Beldì: morto a 66 annu
Paolo Beldì (screenshot da Facebook)

66 anni, carriera incredibile e genialità unica. Paolo Beldì si è spento improvvisamente. Famoso regista televisivo nato a Novara è stato ritrovato morto nella sua casa di montagna presso Magognino, in provincia di Verbania. Beldì era conosciuto per i successi collezionati negli anni di direzione di innumerevoli programmi del calibro di “Lupo solitario” e “Mi manda Lubrano”. Nota la sua collaborazione con Fabio Fazio insieme al quale ha realizzato “Diritto di replica” e “Quelli che il calcio”.

Beldì, figlio di un noto pubblicitario, ha saputo affermarsi osando nel tempo con scelte di regia inusuali. Primo regista ad apparire anche davanti alle telecamere, ha curato tre edizioni del Festival di Sanremo stupendo tutti durante le serate con le riprese degli spettatori assopiti. Nelle sue inquadrature ha saputo cogliere sfumature inaspettate dei volti intervistati svelandone gli aspetti più intimi. Noti i suoi dettagli sulle scarpe dei personaggi.

TI POTREBBE INTERESSSARE ANCHE > Harry e William si riavvicinano? Insieme per inaugurare la statua di Lady Diana

Paolo Beldì: decesso improvviso

 TI POTREBBE INTERESSSARE ANCHE >  Pietro Taricone, 11 anni dalla sua morte: tragedia incancellabile

Tutto il mondo dello spettacolo è in lutto per la morte del regista Paolo Beldì. Il 66enne è mancato ieri all’improvviso. A destare preoccupazione è stata la sua assenza presso il circolo di Levo dove gli amici lo attendevano per assistere insieme la partita Belgio-Italia. L’allarme è stato lanciato da una sua amica facendo sì che i soccorsi raggiungessero la sua abitazione, Beldì si trovava nella sua casa di montagna, dove l’hanno trovato privo di vita. Tra le ipotesi sulle ragioni del decesso, vi è quella di un infarto.

Amico di noti personaggio dello spettacolo, il regista aveva lavorato al fianco di Adriano Celentano al quale era molto legato e Simona Ventura. Nel corso della sua carriera aveva scritto anche tre libri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Simona Ventura (@simonaventura)

Grande appassionato di calcio, era un tifoso sfegatato della Fiorentina, avrebbe compiuto tra pochi giorni 67 anni.