Scomparsi | Brent Donald: il professore americano svanito nel nulla durante un viaggio in Italia

Brent Donald Chamberlain è scomparso da Firenze il 28 febbraio del 2019: del professore americano si perse ogni traccia poco prima del suo rientro in patria.

Brent Donald Chamberlain
Brent Donald Chamberlain (Chi l’ha visto?)

Brent Donald era un giovane professore di americano che viveva a Manhattan, un quartiere di New York (Usa). Solare, amante dei viaggi, una persona speciale. Era sposato con Kevin: una storia d’amore naufragata dopo sei anni. Forse questo il motivo per il quale decise di recarsi in Italia da solo, Paese dal quale poi scomparve. Le ultime parole di Brent, prima che svanisse nel nulla, erano proprio dirette a Kevin. Contenute all’interno di una lettera su cui era apposto un timbro postale di Firenze datato 28 febbraio 2019.

Dal capoluogo toscano, il professore avrebbe dovuto far rientro in patria, ma di lui da quel giorno non si seppe più alcunché. Cosa gli è accaduto? È sparito per sua volontà o gli è accaduto qualcosa di tragico? Sono tutti interrogativi che ad oggi non trovano risposta.

Brent Donald scomparso da Firenze il 28 febbraio del 2019

Brent Donald decise di raggiungere l’Italia il 15 febbraio del 2019. Si imbarcò su un areo in partenza dall’aeroporto JFK di New York ed atterrò a Milano.

Brent Donald Chamberlain
Brent Donald Chamberlain (Chi l’ha visto?)

Da lì prese un treno diretto a Venezia e di lui dal 24 febbraio nessuno oltre Oceano ebbe più sue notizie. Salvo poi una svolta il primo marzo, quando in casa del marito a NY, dal quale stava divorziando, arrivò una lettera scritta sulla carta intestata dell’Hotel St. Regis di Firenze e timbrata 28 febbraio. Fu la polizia americana ad occuparsi in prima battuta del caso, poi il fratello di Brent decise di recarsi in Italia per cercare personalmente il fratello, contattando anche la redazione di “Chi l’ha Visto?”.

Leggi anche —> Scomparsi | Luciano Bizzotto: svanito nel nulla durante una passeggiata in montagna

Si scoprì che Brent partì per Firenze – lasciando Venezia- il 20 febbraio, ma perché? Dove avrebbe alloggiato quella notte? Forse è stato ospite di qualcuno? Domande senza risposta. Il 22 sarebbe tornato nella città sull’acqua per prendere parte ad una festa su di un galeone in occasione del carnevale. Forse lì conobbe un ragazzo con il quale si scattò alcuni selfie, poi all’attenzione degli inquirenti, i quali però non riuscirono a risalire alle sue generalità. Le foto, Brent, le inviò ad un amico affermando di aver trovato un “fidanzato veneziano”. Ma era davvero un giovane veneziano? E perché non si sarebbe fatto avanti?

Leggi anche —> Scomparsi | Luca Spoto, lo studente svanito nel nulla a soli 22 anni

Il 23 febbraio torna a Firenze ed alloggia proprio al St. Regis. Avrebbe dovuto far rientro a casa il 28 febbraio, ma purtroppo non tornò mai. In quella data scrisse solo quella famosa lettera che aprì il suo giallo: una missiva dal contenuto drammatico. Parole, quelle di Brent, che lasciavano presagire l’intento di voler compiere un gesto estremo.

Nel corso delle sue puntate, “Chi l’ha visto?” mandò in onda anche gli accorati appelli dei familiari di Brent. Toccante quello del fratello, il quale invitò chiunque sapesse qualcosa a farsi avanti. E soprattutto pregò il fratello, se stava ascoltando il suo messaggio, di rifarsi vivo. “Brent, voglio sapere che tu sei vivo. Voglio che tu sappia che sei amato e che molte persone tengono a te” queste le sue parole.

Lettera
(Michal Jarmoluk – Pixabay)

Del professore americano, fino ad oggi, non si è avuta più alcuna notizia. La sua famiglia spera un giorno di poterlo riabbracciare.