“Superquark” torna in tv con Piero Angela. La dedica più commovente al figlio: “Non potrei esserlo di più”

Il divulgatore sarà in onda su Rai 1 a partire dal prossimo 14 luglio assieme al figlio Alberto, tanti i contenuti proposti e le sorprese.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da SuperQuarkRai (@superquarkrai)

All’età di 92 anni il divulgatore scientifico, giornalista, conduttore televisivo e saggista italiano si appresta a tornare in televisione il prossimo 14 luglio con una nuova edizione di “Superquark” che quest’anno festeggia i suoi primi 40 anni di vita.

Piero Angela, che ha concesso per l’occasione diverse interviste, a TV Sorrisi e Canzoni ha svelato qualche anticipazione sul nuovo “Superquark”:

Ci saranno servizi sorprendenti sull’intelligenza delle grandi scimmie come scimpanzé e gorilla. Scopriremo come i droni stiano diventando una risorsa ma anche un problema militare allo stesso tempo”. E ovviamente si parlerà soprattutto di Covid visto il periodo.

Intanto però Piero si prepara al debutto sul piccolo schermo e coglie anche l’occasione per ringraziare il figlio Alberto anche lui presente con servizi interessanti in ogni puntata.

LEGGI ANCHE -> Al Bano canta in chiesa l’Ave Maria: che sorpresa per gli sposi

“Superquark”: arrivano i contributi di Alberto Angela

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> L’attore Paolo Rossi svuota il sacco: “Mi pagavano per insultarlo”

In queste nuove puntate di “Superquark” ammireremo anche dei contributi inediti di Alberto Angela che ci condurrà all’interno del Museo Archeologico Nazionale di Napoli per scoprire la bellissima mostra sui Gladiatori ma anche alla ricerca dell’uomo di Neanderthal nella Grotta del Circeo.

Papà Piero a DiPiù Tv ha raccontato il rapporto con il figlio: “Come sempre ci sarà, con i suoi servizi”, anche se “ormai averlo con noi è diventato complicato, perché è sempre più pieno di impegni”.

È molto felice di averlo vicino nel lavoro, “non era semplice mettersi in gioco facendo il mio stesso mestiere, sapeva che avrebbe avuto tutti gli occhi puntati addosso, che se non fosse stato più che bravo avrebbe rischiato di bruciarsi: ma per fortuna non è andata così”. Poi conclude: “Da papà non potrei essere più orgoglioso e fiero di lui”.