Fabrizio Corona torna in tribunale. Processo per diffamazione contro Selvaggia Lucarelli

Fabrizio Corona. L’ex re dei paparazzi, in regime di arresti domicialiari, torna in tribunale a Milano per un processo di diffamazione contro Selvaggia Lucarelli. La sua dichiarazione condivisa su Instagram

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Nuovi guai giudiziari per Fabrizio Corona. L’ex re dei paparazzi è tornato in tribunale a Milano. Questa volta a trascinarlo in aula è stata la giornalista, blogger e personaggio televisivo Selvaggia Lucarelli.

Oggetto del contendere sarebbero alcune dichiarazioni rilasciate dallo stesso Corona durante una puntata del programma di Massimo Giletti, “Non è l’arena”, in cui si è espresso sulla Lucarelli con le seguenti parole: “Penso che abbia accanimento e frustrazione contro di me e anche un pò di gelosia perché non ci sono mai stato. Perché sono anni e anni che vuole il mio corpo e io non glielo do”. Inoltre sul suo personale profilo pubblico Instagram aveva rincarato la dose: “È ossessionata da me”.

Fabrizio Corona e Selvaggia Lucarelli: è scontro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal)

Fabrizio Corona ha rilasciato una dichiarazione assai perentoria ai giornalisti che lo attendevano davanti al tribunale di Milano per il processo per diffamazione intentato da Selvaggia Lucarelli. Occhiali scuri, camicia bianca con colletto alla coreana, ha abbassato la mascherina dal volto per farsi sentire meglio e ha detto: “Con tutti i problemi che ci sono in Italia, perché fate questi processi del ca**o?”.

Leggi anche —> Si tuffa nel fiume per un bagno: ragazzo di 13 anni muore in ospedale

Il momento è stato ripreso dalle telecamere e condiviso come post pubblico sul suo personale profilo ufficiale di Instagram.

Il suo legale, l’avvocato Ivano Chiesa, ha espresso parole di accordo con il proprio cliente: “Con tutti i problemi che abbiamo e che Fabrizio ha, questo processo ce lo potevamo evitare”.

Leggi anche —> Si accascia al suolo su un sentiero: uomo muore durante un’escursione

Ha poi aggiunto: “La diffamazione, ammesso che ci sia, è un reato scriminato se commesso con lo stato d’animo determinato dal fatto ingiusto altrui. Sono stati i commenti salaci della Lucarelli che a loro volta hanno determinato la reazione di Fabrizio. La signora Lucarelli ha querelato Fabrizio per quello che lui ha detto e scritto e noi ci difendiamo spiegando che c’è una ragione”.

Il popolo del web si divide su chi sostiene Corona e chi punta il dito contro di lui ancora una volta. Si legge tra i commenti: “Quando è libero fa’ lo sbruffone, quando lo mettono dentro piange e va in depressione. Sei buono solo per le TV e per Instagram”, “I delinquenti liberi, Corona tartassato”.

E ancora: “Se facevi il bravo eri gia libero da un pezzo ma siccome vuoi fare il fenomeno allora ti fanno vedere chi comanda”, “Vi rendete conto che lui oggi è tartassato solo ed esclusivamente perché dice la verità a muso duro senza indorare la pillola?”.